Ai Rolli Days in battello, che novità!

Tra le novità di questa edizione dei Rolli Days, la Società Trasporti Marittimi Golfo Paradiso di Camogli, nell'ambito del progetto di Farida Simonetti Cultura in navigazione lungo la costa, la possibilità di salire a bordo per esplorare e guardare con occhi diversi, da un punto di vista inconsueto, Corso Italia, uno dei luoghi della città più frequentati e amati dai genovesi.

Dopo aver proposto, per l'edizione dei Rolli Days dello scorso anno, il barcheggio davanti al Porto Antico secondo l'antica usanza seicentesca, ora il percorso porterà alla scoperta del levante della città dove, tra 1905 e 1915, anche Genova volle costruire una propria promenade sul mare unendosi alla scelta di tante città europee a partire da Nizza e dalla sua Promennade des Anglais.

Partendo dal Porticciolo Duca degli Abruzzi, la navigazione consentirà, superate le sedi dello Yacht e del Rowing Club, rispettivamente opera di Giuseppe Crosa di Vergagni e Luigi Carlo Daneri, di ammirare alcuni esempi di edilizia residenziale di altissimo pregio che si affacciano sul mare a partire dall’ottocentesca Villa Mylius, di

gusto inglese Tudor, cui, a inizio Novecento Luigi Rovelli aggiunse le splendide loggette neogotiche, e da Villa Croce, oggi Museo d’Arte Contemporanea, ma già residenza privata di un’illustre famiglia genovese.

Lungo Corso Italia, di cui dal mare si scopre la struttura ad archi che la sostiene in più punti, Caterina Olcese Spingardi illustrerà caratteristiche architettoniche e storie dei proprietari soffermandosi su Villa San Nazaro (ex Park Hotel), di Luigi Ferrari; Villa Canali Gaslini, della Palazzina Profumo e del Castello Turcke, tutti e tre firmati da Gino Coppedè; dei neomedievali Castelli Casareto e Carrara, ma anche di moderni complessi razionalisti, come quelli di Piazza Rossetti e Corso Italia 40, progettati da Daneri.

Un’analisi più puntuale condurrà inoltre a scoperte sorprendenti, soffermandosi su meno conosciute o inedite opere di architetti come Mario Labò, Luigi Vietti, Giulio Zappa, Piero Gambacciani.

Non mancheranno cenni ad architetture purtroppo non più esistenti, o fortemente trasformate, ma che segnarono profondamente la storia della città nel Novecento: dalle imponenti strutture del Lido d’Albaro e di Villa Jnga al raffinato arredo urbano della corso Italia di metà anni Trenta composto da pavimentazioni a mosaico ceramico, fontane e lampioni.

 

Partenza prevista da Camogli (porticciolo) alle ore 16:00 e da Genova Porto Antico (Calata Mandraccio) alle ore 17:00

Prezzo del biglietto Euro 25,00 adulti Euro 15,00 ridotto (5 – 14 anni); il prezzo include l’aperitivo a bordo organizzato da La Rotonda Camogli.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport