Valeriano Vacalebre: "Bavari, presto si torna alla normalità"

Il consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Valeriano Vacalebre

Il consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Valeriano Vacalebre

Intervista con il consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Valeriano Vacalebre, il primo a Tursi ad interessarsi, con efficacia, del caso relativa alla frana di Bavari e della mancata agibilità della struttura sportiva del "San Giorgio".

Vacalebre, com’è la situazione nella martoriata Bavari?

La situazione è difficile, ma sotto controllo, siamo di fronte ad un reale pericolo e con una situazione meteo che nulla di buono promette. D’altronde, abbiamo assistito ad un novembre a dir poco eccezionale dal punto di vista meteorologico che ha portato il nostro territorio, che è fragile di suo, ad essere un territorio ostile e pericoloso per le frane.

Bavari è sotto la minaccia di una frana e questo non consente a delle famiglie di rientrare a casa. Massi e alberi minacciano il campo da calcio a 11, insomma una situazione veramente complessa.

Di questo me ne ero già occupato in precedenza con un’interrogazione che ha portato i riflettori su una zona che da tempo necessita di messa in sicurezza.

 

2) Cosa ha predisposto il Comune di Genova per venire incontro agli sfollati?

Ad oggi, prima di una importante allerta rossa, per il passaggio di una perturbazione molto forte, si era parlato di poter far rientrare le famiglie prima di Natale, la settimana prossima, ad ora non sapendo cosa succederà e con la settimana di pioggia appena passata, potrebbero non essere rispettati i tempi.

Quello che so è che si sta facendo di tutto per permettere un Natale in serenità alle famiglie coinvolte, ma sopratutto un avvenire in sicurezza dato che il lavoro da fare e fatto è molto.

 

3) I tempi di riutilizzo del campo di Bavari “San Giorgio”?

Rispondo citando quasi alla lettere il crono programma che l’assessore Picciocchi ha stilato con cui ha delineato un intervento molto delicato, a due fasi: il primo riguarda il disgaggio degli elementi pericolanti sulla collina adiacente la struttura sportiva di Bavari; poi vi sarà un intervento di una rete para sassi che delimita la collina, cosìcchè la zona sarà messa in sicurezza totale. Si tratta comunque di una lavorazione complessa, è una parte complicata del terreno, molto scosceso, con vie strette per raggiungere il posto ed il meteo di questi giorni non sta aiutando (è prevista pioggia fino a domani notte, ndr). Sarà anche sbriciolato il masso sul campo a sette, caduto più di due settimane fa nell’impianto della Lc James.

Obiettivo, resta di fare tornare il tutto alla normalità entro il 31 dicembre e  prima metà di gennaio riprendere l’operatività sul campo di calcio

 

4) Quante sono state le frane in totale sul territorio comunale di Genova negli ultimi due martoriati mesi?

Tante, il numero esatto non lo so, dovrei chiedere agli uffici competenti, ma dico tante senza nascondermi dietro al dito del meteo. Dobbiamo far fronte anche a questa emergenza come abbiamo fatto fronte ad altro e stilare un grande piano per la sicurezza idrogeologica.

 

5) Riescono le casse di Tursi a far fronte a tutte queste emergenze, in primis il Morandi, poi la messa in sicurezza del territorio?

Devono farlo, ma non da soli. Il Governo ha promesso e mantenga ad oggi, ed è notizia pubblica, quanto messo dal Governo sul capitolo spesa per la Liguria è meno del 10% delle necessità. Così non fanno altro che scaricare la responsabilità sui genovesi. Se al Governo sta bene così a noi no.

di Andrea Bazzurro

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport