In 850 all'Annunziata per il pranzo di Natale

Anzichè celebrare la Santa Messa, la Basilica di piazza della Nunziata trasformata così nel giorno di Natale

Anzichè celebrare la Santa Messa, la Basilica di piazza della Nunziata trasformata così nel giorno di Natale

Una delle parti della variegata sinistra cattolica, la Comunità di Sant’Egidio, come ogni anno ha organizzato il Natale solidale, dalla parte degli ultimi, di chi soffre, di chi non ha, nonostante il reddito di cittadinanza (utilizzato da tanti “furbetti” per arricchirsi). Anche oggi, come vuole la tradizione, nella chiesa dell’Annunziata, ex del Vastato (sconsacrata da alcuni anni, non si celebrano più le Sante Messe, i pochi frati superstiti sono emigrati in altre parrocchie), ecco 850 poveri che hanno pranzato finalmente come si deve, sotto gli occhi del Cardinale di Genova Angelo Bagnasco e del primo cittadino, Marco Bucci.
Circa mille i volontari (che sono partiti nell’organizzazione fin dai primi di novembre, con l’acquisto dei panettoni, delle scatole di cibo, eccetera) impegnati per offrire un pasto a circa 8mila persone in 60 punti della città (importante il ritrovo a Sampierdarena, sponsorizzato da tutte le parrocchie ponentine). Per tutti un menù delle feste (antipasto, lasagne, arrosto, frutta fresca, panettone e spumante, caffè e cioccolatini) e un regalo personalizzato per ogni ospite.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport