Una lista centrista, alle regionali, anti Toti?

Nuove insidie al centro per il Governatore ligure Giovanni Toti

Nuove insidie al centro per il Governatore ligure Giovanni Toti

Crescono di giorno in giorno le voci su una possibile lista – candidatura di disturbo, come terzo incomodo tra centrodestra e centrosinistra (in attesa di un accordo col Movimento 5 Stelle; se unione sarà, il nome che circola è quello del collega Ferruccio Sansa, figlio dell’ex sindaco di Genova Adriano Sansa), centrista, alle prossime regionali del 2020. Una lista che ha possibilità quasi pari a zero di andare nel palazzo regionale di piazza De Ferrari visto il vantaggio nei sondaggi di Giovanni Toti sul centrosinistra, ma tant’è…
Se lista di centro si farà, potrebbe raggruppare i seguaci dell’ex Ministro Pd Carlo Calenda (di cui fa parte l'ex assessore progressista Elisa Serafini...un nome che la dice lunga sulle sue intenzioni di gettare la maschera...) ed i fans di Stefano Parisi (più di centrodestra). La possibilità, però, di portare al consiglio regionale anche un solo eletto appare dura visto la tendenza di un voto polarizzato in atto.
In questo particolare mini schieramento (al massacro aggiungiamo noi…vi è pochissimo spazio per un terzo incomodo se centrodestra e centrosinistra + i post grillini si affrontano, anche per la sinistra radicale), potrebbe trovare spazio un “trombato” illustre della giunta Bucci, l’ex assessore Giancarlo Vinacci, un tempo, nel recente passato, in Forza Italia, ma tentato anche dall’avventura renziana in Italia Viva.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport