Il Pd ligure: "No al nuovo maxi cantiere sulla A7"

“Servono risposte urgenti sul maxi cantiere di 7 chilometri che interesserà l’autostrada A7 a partire da lunedì prossimo (18 gennaio) e che ridurrà a una solo corsia, sulle 24 ore, la tratta compresa tra il casello di Genova Ovest e quello di Genova Bolzaneto, in direzione Milano”. Lo chiede il Gruppo del PD in Regione Liguria, a seguito delle notizie di stampa pubblicate oggi.

“Parliamo di 50 giorni di lavori sull’A7 e nessuna pianificazione per prevenire le ripercussioni sul traffico cittadino genovese - dichiara il consigliere del Partito Democratico Armando Sanna – A tal proposito, domani presenteremo in Consiglio regionale un ordine del giorno urgente per chiedere alla Giunta Toti chiarimenti e soluzioni in merito a questi lavori. Continuiamo ad assistere all’avvio di cantieri autostradali dall’oggi al domani, senza avere neanche un’ipotesi di programmazione. E’ possibile sapere quali interventi sono previsti per i prossimi mesi? Si possono lottizzare, per ridurre i disagi degli automobilisti? Partendo da queste informazioni si potrebbero prevedere temporanei interventi alla viabilità ordinaria per arginare le difficoltà degli utenti”.

Il rischio, temono i consiglieri regionali del PD, è quello di un altro blocco della viabilità come quello che ha messo in ginocchio la nostra Regione la scorsa estate. “Già nei giorni scorsi – conclude il Gruppo del Partito Democratico – il ponente genovese è stato messo a dura prova dalla chiusura dei caselli autostradali di Pegli e Pra’, con lunghe code sull’Aurelia e la città letteralmente bloccata. Adesso questo nuovo cantiere rischia di provocare gli stessi disagi, visto che molti mezzi pesanti potrebbero decidere di raggiungere Milano attraverso l’A10, congestionando nuovamente la viabilità genovese e il ponente cittadino”.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport