Garibaldi (Pd): "Tigullio in prima fila per gli ucraini"

In tutto il paese si sono attivate delle raccolte alimentari e di beni di prima necessità. Anche la sedi del Partito Democratico della Liguria hanno iniziato la raccolta, e continuerà nelle prossime settimane; i beni raccolti nelle sedi saranno consegnati alle organizzazioni che stanno definendo la distribuzione in Ucraina. 
Nel Tigullio, a Chiavari, inoltre rimane per il momento attiva la raccolta dall’Ex Chiesa delle Clarisse in Via Entella 109 e a Casa Charitas, in Via Marana 8. 
Il nostro impegno deve essere costante, quotidiano ed immediato: ci aspettano mesi e mesi in cui gli aiuti non potranno più essere solo a distanza, ma si dovrà parlare di accoglienza e quindi dovremmo farci trovare preparati: secondo l’UNHCR, l'agenzia Onu per i rifugiati, in Italia arriveranno tra gli 800 e i 900mila rifugiati ucraini, quasi la metà bambini
Si tratta di un impegno straordinario per l'accoglienza per tutta Europa, il maggiore dalla seconda guerra mondiale: il nostro Paese si sta già attivando per  preparare  la rete per l'accoglienza, le  Regioni hanno commissari straordinari per l'emergenza, e dovrà essere al più presto attivata una Unità di Crisi regionale per le iniziative necessarie che vada dall'individuazione degli spazi di accoglienza, dal supporto psicologico per chi arriva alla possibilità di un inserimento lavorativo, dalla presa in carico dei minori non accompagnati, dall’aiuto per i bambini al loro inserimento nelle scuole, prendendosene carico anche dal punto di vista sanitario, a partire dalle vaccinazioni.


Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport