Giovanni Toti: "Non possiamo chiudere tutto"

Il Governatore ligure Giovanni Toti

Il Governatore ligure Giovanni Toti

Intervistato, dall'ex leader dei radicali Daniele Capezzone, sulle colonne del nuovo importante quotidiano di destra italiano, "La Verità" (che ha sempre firme illustri), il Governatore ligure Giovanni Toti, nella sua funzione di numero uno del movimento di centrodestra "Cambiamo!", ha affermato: <Non possiamo chiudere tutto! I 25 miliardi del Decreto Governativo bastano per appena 15 giorni; lo stop è giusto nelle regioni italiane più colpite come Lombardia, Emilia Romagna e Veneto, ma nel resto d'Italia bisogna rimettersi presto a produrre>.
Un ragionamento che non fa una piega, infatti già ora l'economia italiana rischia di andare a bagno più completo con alberghi vuoti, stabilimenti balneari che non apriranno, badanti che non sono più chiamate, bar, pub, ristoranti, trattorie, locande, negozi d'abbigliamento o domestici chiusi, figurarsi tenere tutte le fabbriche chiuse. <Si rischia una tempesta perfetta - osserva Toti sulle colonne del quotidiano di destra diretto da Maurizio Belpietro -: sanitaria, economica e sociale. Ci sono settori che devono per forza lavorare, non possono stare fermi. Ora è chiaro che la Lombardia deve fermare tutto, ma ci devono essere aree di contenimento. Saranno antipatici, ma vedete cvosa hanno fatto i tedeschi con 550 miliardi di prestiti garantiti, responsabilizzando le imprese, che si tengono in carica i lavoratori>.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport