Clamoroso lo scivolone del manager Maurizio Gregorini

Maurizio Gregorini, cultural manager del Comune di Genova

Maurizio Gregorini, cultural manager del Comune di Genova

“Scivolone? Temiamo di no. Siamo quasi certi che qui ci sia il pensiero corrente che da anni serpeggia tra i seguaci di certa politica e certamente questa volta non si potrà dare la colpa al malcapitato collaboratore di turno. Quelle di Maurizio Gregorini, cultural manager del Comune di Genova, sono parole becere. Secondo costui, se sei donna e nera non puoi interpretare certi ruoli. Al netto della gravità dell'affermazione, di grazia… il manager potrebbe spiegarci quali sarebbero “i riferimenti della nostra civiltà” a rischio “demolizione”? Costui, purtroppo non nuovo a dichiarazioni xenofobe (ricordiamo bene il terribile post in cui contrappone i cristiani ai musulmani) e omofobe, ancora una volta è andato oltre”, dichiarano i consiglieri del Gruppo M5S Genova. 

Che poi aggiungono: “Gregorini, è bene ricordarlo, ricopre ahinoi un ruolo di prestigio e viene pagato con i soldi dei contribuenti. Le sue parole gettano discredito sulla reputazione non solo di Genova, ma dell'Italia tutta. Cosa aspettano Bucci e l’assessore alla cultura a sollevarlo dall'incarico? Probabilmente rispecchia la loro direzione politica. Intanto, come M5S, oggi abbiamo chiesto una Commissione: è certamente doveroso a questo punto che il manager risponda del proprio operato, fornendo una rendicontazione esauriente in merito ai risultati conseguiti. E che poi si dimetta”.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport