Di Francesco, traballa già la panchina della Samp

Il giorno della presentazione a Corte Lambruschini

Il giorno della presentazione a Corte Lambruschini

Un solo gol fatto, per di più su rigore di Quagliarella, ben sette subiti nelle prime due partite di campionato. E dopo la sosta per la nazionale italiana, impegno probante al “San Paolo” contro il Napoli di Carlo Ancellotti. Avvio in salita per i blucerchiati. Unica consolazione il passaggio del turno in Coppa Italia. Di Francesco dal “Mapei Stadium” è abbattuto: "E' stata una partita con tanti paradossi specialmente all'inizio quando avevamo creato davvero tanto ed eravamo partiti con il piede giusto ma al primo gol siamo spariti con l'individualità di Berardi che ci ha messo in grande difficoltà specialmente sul finire del primo tempo. Da stare in vantaggio, anche meritando qualcosina in più in un gol, ad essere sotto di 3 gol ed un uomo in meno ci ha tagliato le gambe ma quello che mi preoccupa è che alla prima difficoltà ci abbattiamo e non riusciamo a rimanere in partita. E' già la seconda volta che succede e sono campanelli d'allarme e dobbiamo lavorare sulla testa dei giocatori più che sull'aspetto fisico.

Al di la delle occasioni che abbiamo avuto all'inizio penso che la squadra abbia avuto il pallino del gioco andando anche parecchie volte a pressare però tutto questo ottimo lavoro non può morire dopo il primo gol, siamo stati irresponsabili ci siamo persi e non abbiamo dato continuità a quello che di buono abbiamo fatto; è assurdo trovarsi nel primo tempo un uomo meno e sotto di tre gol quando meritavamo altro, eravamo in partita. 

Il prossimo impegno è sicuramente difficile però credo che dobbiamo migliorare tantissimo anche nella fase difensiva non solo negli esterni di gioco".

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport