Ancora disordini al carcere di Marassi

A causa dell’alta percentuale di detenuti (in particolare stranieri, un sovraffollamento

da record a Marassi), la casa circondariale in val Bisagno è ancora finita nell’occhio del ciclone per una nuova violenta rissa. Ancora una volta tra detenuti, con un marocchino classe 1982 pestato dai propri connazionali, per la semplice “colpa” di parlare in italiano con le guardie carcerarie. Secondo lui stesso, sarebbe stato picchiato perché i nordafricani lo accusavano di fare da spia ai poliziotti interni.

ultimi articoli nelle categorie