La nuova stagione del Politeama

La Stagione Teatrale 2017-2018 in abbonamento si apre, il 27 e 28 Ottobre, con Ambra

Angiolini e Matteo Cremon in La Guerra dei Roses, per la regia di Filippo Dini. La Guerra dei Roses è prima di tutto il titolo di un romanzo del 1981, che otto anni più tardi diventerà un enorme successo cinematografico per la regia di Danny De Vito. L’autore Warren Adler scrive anche il soggetto del film e in seguito deciderà di adattare questa vicenda per il teatro, creando una commedia straordinaria, raffinata e caotica al tempo stesso, comica e crudele, ridicola e folle, trovando forse sul palco la sua dimensione ideale, per la potenza espressiva e la dimensione terribilmente onirica. La storia, nota a tutti grazie alla fama della pellicola cinematografica e ai suoi protagonisti Michael Douglas e Kathleen Turner, narra della lenta e terribile separazione tra i coniugi Rose, lui ricco e ambizioso uomo d’affari, tronfio della sua fortunatissima carriera, lei una moglie obbediente, ma mai dimessa, che lo ha accompagnato nella sua brillante ascesa. Questo nuovo spettacolo, prodotto da La Pirandelliana, vedrà in scena Ambra Angiolini, una delle protagoniste più apprezzate del nostro cinema, e Matteo Cremon, già ospitato dal Politeama la scorsa stagione nel ruolo di Petruccio in Bisbetica,con Nancy Brilli.

Il 4 Novembre Paolo Rossi nel suo nuovo spettacolo L’intervista - A un anarchico gentile, i suoi dei, la rivoluzione e… i cazzi suoi. A metà strada fra un’autobiografia non autorizzata, il vademecum per il mestiere del comico e un’intervista, appunto, al pubblico in sala, Paolo Rossi sarà accompagnato come di consueto dal musicista Emanuele Dell’Aquila e I Virtuosi del Carso. ”In tutti i miei spettacoli è sempre rimasta presente sul palco la persona, oltre che l’attore e il personaggio. Del resto, per me la vita è teatro, e viceversa. L’importante è improvvisare… Tutto il resto è ripetere”.

L’11 e 12 Novembre torna in scena un musical che ha incantato grandi e piccini, ripercorrendo le gesta di uno degli eroi più amati di sempre. Manuel Frattini in Robin Hood, una nuova versione 2.0 del musical di Beppe Dati, autore delle musiche e del libretto, con gli arrangiamenti di Eric Buffat, la regia di Mauro Simonee le coreografie di Gillian Bruce. Fatima Trotta, nota al grande pubblico come conduttrice di Made in Sud, sarà Lady Marian. L’impavido eroe che ruba ai ricchi per dare ai poveri accompagnerà gli spettatori di ogni età tra le magie e le insidie della foresta incantata di Sherwood. Ambizione, coraggio, amore e avventura, in un grande musical originale per tutta la famiglia, con 7 attori/cantanti e 10 danzatori/acrobati in scena.

Dal 14 al 19 Novembre W Momix Forever, lospettacolo nato nel 2015 per festeggiare i 35 anni d’esistenza di Momix, trascorsi a calcare le scene più importanti di tutto il mondo. Una spettacolare raccolta delle più suggestive e significative coreografie di Moses Pendleton, carismatico creatore e direttore artistico della compagnia, con nuove creazioni e il recupero di capolavori amatissimi, dagli storici MomixClassics, Passion, Baseball, Opus Cactus, SunFlower Moon, fino al più recente Bothanica e l'ultimo grande successo Alchemy. Una festa per Momix e per il suo pubblico, un’alchimia che diverte, emoziona e continua ad incantare da generazioni.

Il 22 Novembre Natalino Balasso, “esemplare tarchiato” della comicità cinica, con Marta Dalla Via, apprezzata performer del teatro contemporaneo, scrivono ed interpretano Delusionist, una commedia che guarda con ironia tagliente al tempo in cui viviamo. Dal lavoro comune della trilogia Cativìssima nasce l’idea di creare una pièce nuova, contemporanea, comicamente caustica. “Oggi esistere è pura performance, e diventa salvifica una pillola che permette di rimanere accesi 7 giorni su 7, 24 ore su 24. Un semplice modo per debellare l’oltraggio alla produttività fatto dal tempo passato a dormire, e forse a sognare. Questo farmaco, insieme ai suoi effetti collaterali, è il protagonista del nostro racconto”.

Il 24 e 25 Novembre Giulio Scarpati e Valeria Solarino in Una giornata particolare. Nato come testo teatrale, nel 1977 Ettore Scola ne realizza il celeberrimo film con Sophia Loren e Marcello Mastroianni, che riceve ambiti premi sia a livello nazionale che internazionale. Questo spettacolo è diretto da Nora Venturini e prodotto dalla Compagnia Gli Ipocriti. Dalle note di regia: “Abbiamo deciso di mettere in scena Una giornata particolare, superando timori e scrupoli verso il capolavoro cinematografico originale, perché a ben guardarla la sceneggiatura di Scola e Maccari nasconde una commedia perfetta. Un ambiente chiuso, due grandi protagonisti, due storie umane che si incontrano in uno spazio comune in cui sono “obbligati” a restare prigionieri. Fuori il mondo, la Storia, di cui ci arriva l’eco dalla radio. Un grande evento che fa da sfondo a due piccole storie personali, in una giornata che sarà particolare per tutti: per Gabriele, per Antonietta, per la sua famiglia che si reca alla parata, per gli Italiani che festeggiano l’incontro tra Mussolini e Hitler, senza sapere quanto fatale sarà per i destini del Paese”.

Dal 30 Novembre al 2 Dicembre la nuova edizione di Grease della Compagnia della Rancia, per festeggiare il 20° anniversario del musical in Italia. Un fenomeno che si conferma a ogni replica (più di 1.500, per oltre 1.700.000 spettatori), una festa travolgente che dal 1997 accende i teatri italiani. Lo spettacolo firmato da Saverio Marconi, che ha dato il via alla musical-mania trasformandosi in un vero e proprio fenomeno di costume “pop”, prevede molte sorprese e novità. Oltre ad un cast rinnovato, che vedrà nel ruolo di Danny Zuko Guglielmo Scilla, giovane conduttore radiofonico di Radio Deejay, attore, scrittore e video blogger famoso in rete con il nome Willwoosh, come quello del suo canale Youtube, Marconi darà nuova lettura ad alcuni momenti della storia, coadiuvato dalle coreografie di Gillian Bruce e dalla nuovissima scenografia di Gabriele Moreschi.

Dal 7 al 9 Dicembre Regalo di Natale, lo spettacolo tratto dal film di Pupi Avati del 1986, apprezzato da pubblico e critica alla 43° Mostra del Cinema di Venezia, per la regia di Marcello Cotugno e interpretato da Gigio Alberti, Filippo Dini, Giovanni Esposito, Valerio Santoro e Gennaro Di Biase. Ci troviamo in una villa, la notte di Natale. Quattro amici, che non si vedono da dieci anni, incontrano quello che è designato ad essere il “pollo” da spennare: l’avvocato Sant’Elia, un uomo sulla sessantina, ricco e ingenuo, che sembra addirittura trovare consolazione nel perdere. In realtà è il presunto “pollo” a trovarsi di fronte quattro uomini che nella vita hanno giocato col destino e che, in un modo o nell’altro, hanno perso. Sul piatto, oltre al denaro, il bilancio dell’esistenza di ognuno. Originariamente ambientato negli anni ‘80, il testo è stato trasposto nel 2008, anno in cui la crisi economica globale si è abbattuta sull’Europa e, in risposta a recessione e precariato, il gioco d’azzardo vive una stagione di fulminante ascesa.

Dal 15 al 17 Dicembre il Musical La Regina di Ghiaccio con Lorella Cuccarini, ideato e diretto da Maurizio Colombi e ispirato alla fiaba persiana da cui nacque la Turandot di Giacomo Puccini. Dopo il successo di Rapunzel, Lorella Cuccarini torna a teatro nei panni di una crudele regina vittima di un incantesimo, nel cui regno gli uomini sono costretti ad indossare una maschera per non incrociare il suo sguardo. Solo colui che sarà in grado di risolvere tre enigmi potrà averla in sposa. Riuscirà il Principe Calaf, interpretato da Pietro Pignatelli, a sciogliere il cuore di ghiaccio della regina con il calore e il fuoco del suo amore? La musica originale -composta da 18 brani musicali, arrangiata e diretta daDavide Magnabosco- mantiene riferimenti melodici ad alcune tra le più famose arie di Puccini, come il celeberrimo Nessun dorma, rivisitato in chiave pop, e di altri notissimi brani dell’Opera lirica. Grandiosi effetti speciali, venti straordinari performers in scena tra attori, cantanti, ballerini e acrobati. Una magia per grandi e piccini.

Il 18 Dicembre Benedict Gospel Choir, il pluripremiato coro del South Carolina che attinge ai generi più diversi, mescolando gospel, spirituals, blues, reggae e musica africana tradizionale. 35 artisti in scena, musica dal vivo, voci straordinarie.

Dal 20 al 23 Dicembre, dopo 43 anni dal primo debutto, torna in scena la più celebre commedia musicale di Garinei e Giovannini: Aggiungi un posto a tavola, scritta con Jaja Fiastri, con le splendide musiche del grande Maestro Armando Trovajoli e le coreografie di Gino Landi. Gianluca Guidi indosserà nuovamente la tunica di Don Silvestro, ruolo già interpretato con grande successo nelle edizioni del 2009 e 2010, e curerà anche la regia dello spettacolo. Rappresentata per la prima volta nel 1974 con Johnny Dorelli come protagonista, Aggiungi un posto a tavola è considerata ormai un classico del teatro italiano, affermandosi anche sulla scena internazionale con oltre 50 allestimenti in inghilterra, Austria, Cecoslovacchia, Portogallo, Spagna, Russia, Ungheria, Messico, Argentina, Cile e Brasile. La nuova produzione debutterà al Teatro Brancaccio il 12 ottobre 2017 in prima nazionale. Il cast composto da 22 artisti, cantanti e ballerini è in via di definizione.

Il 9 e 10 Gennaio Gianfranco Jannuzzo e Debora Caprioglio in Alla faccia vostra! di Pierre Chesnot, traduzione, adattamento e regia di Patrick Rossi Gastaldi. Dall’autore de L’inquilina del piano di sopra un vero e proprio meccanismo ad orologeria fatto di tempi perfetti, di entrate ed uscite a ripetizione e di continui colpi di scena. Intrighi, sotterfugi, equivoci, ipocrisia, per una vicenda che mette a nudo la parte più meschina e cinica dell’animo umano, che dovrebbe scandalizzare, ma che invece cattura lo spettatore, coinvolgendolo in un vortice di comicità e regalandogli due ore di divertimento e risate.

Dall’11 al 13 Gennaio Elio in Monty Python’s Spamalot. Questo Musical è stato realizzato da Eric Idle, membro del leggendario gruppo comico britannico Monty Python, e trae origine dal film Monty Python e il Sacro Graal del 1974. L'adattamento teatrale avvenne dopo trent’anni dall'uscita cinematografica: lo spettacolo, infatti, debuttò a Chicago nel 2004 con grandissima accoglienza di pubblico e di critica, vincendo 3 Tony Award tra le 14 candidature, tra cui quello al miglior musical della stagione 2004–2005. Non era mai stato adattato in Italiano prima d’ora. Spamalot è un viaggio-parodia all’interno del mondo di Re Artù e i Cavalieri della Tavola Rotonda alla ricerca del Sacro Graal, e nel fare questo ironizza sullo stesso mondo dei musical e dello show-business in generale. La regia è stata affidata a Claudio Insegno, che ha già diretto altri successi come Jersey Boys e La febbre del sabato sera, l’adattamento di Rocco Tanica, la direzione musicale di Angelo Racz, la coreografia di Valeriano Longoni. Lo spettacolo debutterà a novembre al Teatro Nuovo di Milano, che lo produce, per poi proseguire in tournée nei maggiori teatri italiani

Il 18 Gennaio, rinnovato nell’allestimento e nel cast, torna in scena Giulietta e Romeo, una delle produzioni di maggior successo della compagnia del Balletto di Roma, firmata dal coreografo e regista Fabrizio Monteverde, liberamente ispirato alla tragedia di William Shakespeare e con musiche Sergej Prokof'ev. A trent’anni dalla creazione, la danza dell’amore impossibile rinasce sui palcoscenici italiani. La vicenda si sposta da Verona ad un paese italiano mediterraneo – che incarna anche un qualsiasi sud – tra tradizioni, leggi furibonde e inesorabili, sentimenti di odio e di amore sublimi, divisi tra bellezza e ferocia. Ad esasperare ancora di più le emozioni dei personaggi, anche il tempo in cui si muovono: non più un medioevo giocoso ed esotico come quello Shakespeariano, non più un medioevo romantico come quello ottocentesco, ma il secondo dopoguerra del Novecento, con tutte le sue tensioni tra tradizionalismo e spinta a ricostruire e rinnovare.

Dal 23 al 28 Gennaioun vero evento teatrale:a 20 anni dal debutto e a 10 anni dal film con Meryl Streep, Mamma Mia!, la più celebre commedia musicale degli anni 2000, in una inedita versione italiana interamente rinnovata dal team del regista Massimo Romeo Piparo, che ha realizzato tutto lo spettacolo, dalla regia alle scenografie, dalle coreografie ai costumi, traducendo integralmente i dialoghi e le 24 canzoni degli Abba suonate da un’orchestra dal vivo. I tre protagonisti maschili sono attori amatissimi dal grande pubblico come Luca Ward, Paolo Conticini e Sergio Muniz, mentre il ruolo della protagonista femminile sarà affidato a Sabrina Marciano, reduce da grande successo nei panni della maestra di danza nel musical Billy Elliot. In scena anche Elisabetta Tulli, Laura Di Mauro, Jacopo Sarno ed Eleonora Facchini. Oltre 30 performers e una scenografia incredibile con pontile, bagnasciuga e vera acqua di mare.

Dall’1 al 3 Febbraio, dopo il sold out della passata stagione, torna Puntata Zero con Alessandro Bianchi, Pippo Lamberti, Maurizio Lastrico, Antonio Ornano, Enzo Paci, Michelangelo Pulci, per la regia di Luca Bizzarri. Cinque comici, un musicista, un regista, sette autori Un viaggio attraverso la comicità degli ultimi cinquant’anni, una travolgente antologia comica e musicale tra canzoni, sketches, monologhi, signorine buonasera, talk show e varietà. Lo spettacolo è prodotto dal Politeama Genovese.

Il 14 e 15 Febbraio Enrico Bertolino in L’instant theatre.Bertolino ha iniziato da tempo a cimentarsi in questa formula teatrale innovativa che ha portato con successo nei teatri di Roma e Milano. Si tratta appunto dell’ instant theatre®, spettacolo in cui narrazione, attualità, umorismo, storia, costume, cronaca, comicità, politica e satira si incontrano sulle assi di un palcoscenico. Il teatro diventa così luogo di informazione satirica strettamente legata all’attualità, e lo spettacolo un percorso di conoscenza di un tema politico o sociale, un “tutorial” col sorriso sulle labbra. E’ possibile adattare l’esperimento ai più svariati temi del dibattito pubblico nazionale o locale attraverso un sapiente lavoro autorale svolto a tre mani da Enrico Bertolino, Luca Bottura e Massimo Navoneche ne cura anche la regia.

Il 16 e 17 Febbraio Gaia De Laurentiis e Ugo Dighero in L’inquilina del piano di sopra, di Pierre Chesnot e con regia di Stefano Artissunch. Due personaggi in crisi esistenziale -una single in cerca di riscatto amoroso e un single scorbutico ed egocentrico- che al giro di boa degli “anta” fanno i conti con il loro passato e si interrogano sulle aspettative del futuro. Un incontro/scontro fatto di dialoghi brillanti, situazioni paradossali e tante risate. Dalle note di regia: “Mettere in scena questa commedia è come darenuova linfa ad un testo brioso e fantasioso, divertente ma allo stesso tempo vitale. Un’elegante favola moderna che mi auguro arriverà allo spettatore stuzzicando interesse e divertimento intelligente”.

Il 20 Febbraio, dopo lo straordinario successo di Caravaggio, lo stile unico di Vittorio Sgarbi esplorerà l’universo e l’arte di Michelangelo, conducendo il pubblico in un percorso affascinante fra storia dell’artista ed attualità del nostro tempo. La stupefacente arte del Buonarroti si farà palpabile alle molteplicità sensoriali, attraversate dal racconto di Sgarbi, contrappuntate in musica da Valentino Corvino e assieme alle immagini rese vive dal visual artist Tommaso Arosio.

Dal 22 al 25 Febbraio La strana coppia di Neil Simon segna il ritorno al teatro, dopo oltre dieci anni, di Claudia Cardinale, icona del cinema e tra le più grandi attrici italiane di tutti i tempi. Un omaggio a Pasquale Squitieri, recentemente scomparso, che aveva fortemente creduto in questo progetto, attraverso cui raccontare la grande forza che l’amore ha di unire e non separare, che sarà messo in scena dal suo aiuto-regista prediletto Antonio Mastellone, tramite l’utilizzo dei suoi appunti di regia. Si tratta della versione al femminile della nota pièce teatrale, e porterà sul palco una vera "strana coppia" come Claudia Cardinale e Ottavia Fusco, i due grandi amori della vita di Squitieri: la sua storica compagna di vita e la sua ultima moglie.

 

Il 27 Febbraio Francesco Piccolo, tra i più talentuosi scrittori e sceneggiatori italiani contemporanei, racconta e legge le storie tratte dai due libri gemelli, Momenti di trascurabile felicità (2010) e Momenti di trascurabile infelicità (2015), pubblicati da Einaudi e costantemente ristampati. Il titolo dello spettacolo sarà quindi Momenti di trascurabile (IN)felicità. Un'occasione per far parlare i libri stessi, con la voce inconfondibile di chi li ha scritti, in un modo di raccontare momenti felici e infelici dell'esistenza quotidiana che ci accomunano tutti in un sorriso (a volte amaro), che sul palco vengono trasformati in un’ora divertente e a volte esilarante.

Il 2 e 3 Marzo Ale e Franz nel loro nuovo spettacolo Gaber, Jannacci, Milano. “Il punto di partenza, le tappe di un percorso, l’ambizione di una condivisione. Gaber e Jannacci sono tutto questo per noi. Sono il racconto di un mondo visto dalla parte di chi ha il coraggio, con le proprie idee , di vedere dentro la vita di ognuno. La forza di trasmettere emozioni vere. La gioia della vita. Gaber e Jannacci sono soprattutto la capacità di farci vedere che chi si muove e vive accanto al nostro fianco, chi cammina nelle strade, chi respira la nostra stessa aria, sono uomini, persone, uguali a noi. Perché un amore andato male è un storia che abbiamo sentito mille volte, e mille volte ancora sentiremo. Perché le emozioni non finiscono mai. Tutto questo porteremo con noi, sul palco”.

Il 7 Marzo Enzo Paci nel suo nuovo spettacolo Come fai, fai bene!, con la partecipazione di Romina Uguzzoni. Un viaggio fuori e dentro se stesso, perdendosi in un bicchiere di vodka lemon e il sorriso di una tardona, per poi scoprire che forse il vero percorso da fare è quello che ci riporta a casa, cambiati e con una nuova consapevolezza: in fondo in fondo, nella vita, “come fai, fai bene!”.

Il 9 e 10 Marzo Federico Buffa torna al Politeama con il suo nuovo spettacolo, dopo il successo de Le Olimpiadi del ’36 della passata stagione: A night in Kinshasa - I got nothing against no Viet Cong. Non ho niente contro i Viet Cong. Sette parole che costarono al più grande pugile di tutti i tempi il titolo di campione del mondo, senza mai essere stato sconfitto. Dieci anni più tardi, nella notte più incredibile della storia dello sport, nel più improbabile degli scenari, la corona mondiale torna sulla testa di Muhammad Ali. La straordinaria dote narrativa del giornalista sportivo per raccontare questa leggenda dello sport.

Il 14 e 15 Marzo Ennio Fantastichini e Iaia Forte in Tempi moderni, il nuovo spettacolo scritto e diretto da Cristina Comencini. Un nucleo familiare investito dai cambiamenti veloci e sorprendenti della nostra epoca: elettronica, mutamento dei mestieri e dei saperi, nuove relazioni. Un terremoto che sconvolge comicamente la vita dei quattro personaggi: un padre, una madre e i due figli e li pone di fronte alle contraddizioni, alle difficoltà di un tempo in cui tutto ci appare troppo veloce per essere capito ma in cui siamo costretti a immergerci e a navigare a vista.

Il 16 e 17 Marzo Teresa Mannino in Sento la Terra girare. Dopo Sono nata il ventitré, con cui ha raccontato la sua infanzia, la sua vita e come è cambiato il mondo attorno a lei, Teresa Mannino torna a teatro con il suo nuovo spettacolo, ispirato sempre dalla sua amata Sicilia.

     Il 20 Marzo Giobbe Covatta e Mario Tozzi in L’evoluzione arranca. Sapiens è l'aggettivo che distingue l'uomo dall'animale. L'uomo sa, capisce, discerne, agisce con consapevolezza e non solo per istinto. E allora perché non preserva il suo habitat? Perché assume comportamenti autodistruttivi per la specie? Perché si è fatto un'idea di felicità inscindibile dal possesso esclusivo pur facendo parte di una collettività? Parte da questa riflessione lo strano incontro tra un uomo di spettacolo impegnato nella divulgazione dei problemi ambientali e un geologo divulgatore per mestiere, prestato allo spettacolo. Quel che ne deriva è una disquisizione colta, divertente e davvero informata, sullo stato dell'evoluzione dell'uomo in rapporto all'ambiente.

Il 22 Marzo il Balletto di Milano, una delle più apprezzate compagnie italiane, nel balletto d’eccellenza del repertorio classico Il Lago dei Cigni,un titolo che gode di una lunga tradizione ancora oggi di grande valore. La nuova produzione è affidata alla creatività e sensibilità della giovane artista Stefania Ballone, diplomata al Teatro alla Scala, che vanta una carriera di danzatrice nel massimo teatro italiano parallelamente all'attività di coreografa, che quest'anno la vede debuttare anche alla Scala ne La Valse di Ravel.

Il 23 e 24 Marzo Massimo Lopez e Tullio Solenghi Show. Massimo Lopez e Tullio Solenghitornano insieme sul palco dopo 15 anni, come due vecchi amici che si ritrovano, in uno Showdi cui sono interpreti ed autori, accompagnati dalle musiche live della Jazz Companydiretta dal maestro Gabriele Comeglio. Ne scaturisce una scoppiettante carrellata di voci, imitazioni, sketch, performance musicali, improvvisazioni ed interazioni col pubblico. Tra i vari cammei, l’incontro tra Papa Bergoglio e Papa Ratzinger, in un esilarante siparietto di vita domestica, i duetti musicali di Gino Paoli e Ornella Vanoni e quello più recente di Dean Martin e Frank Sinatra, che ha sbancato la puntata natalizia della trasmissione tv Tale e Quale Show.

Il 27 e 28 Marzo Arturo Brachetti in Solo. Il grande maestro internazionale di quick change nel suo ultimo spettacolo, un varietà in cui protagonista è il trasformismo (l’arte che lo ha reso famoso in tutto il mondo e che qui la farà da padrone con oltre 50 personaggi), ma anche un viaggio nella sua storia artistica attraverso le numerose discipline in cui eccelle. Le ombre cinesi, il mimo, la chapeaugraphie e sorprendenti novità come la poetica sand painting e il magnetico raggio laser. Il mix tra scenografia tradizionale e videomapping (una tecnologia multimediale che permette di proiettare della luce o dei video su superfici reali, in modo da ottenere un effetto artistico ed alcuni movimenti inusuali sulle superfici interessate) permette di enfatizzare i dettagli e coinvolgere totalmente il pubblico nello show. Tra Magritte e la musica pop, passando per le favole e Matrix, un spettacolo per tutte le età.

Dal 5 all’8 Aprile il Musical Dirty Dancing, di Eleanor Bergstein, con adattamento italiano di Alice Mistroni, le coreografie di Gillian Bruce e la regia di Federico Bellone La fedele trasposizione teatrale dell’omonimo successo cinematografico con Patrick Swayze e Jennifer Grey, che racconta la storia d’amore tra la giovane Baby e l’affascinante maestro di ballo Johnny in un resort per vacanze. Una passione raccontata attraverso balli sensuali e indimenticabili coreografie, come nella scena finale sulle note di “(I’ve Had) The Time Of My Life” rimasta indelebile nella memoria di tutti. La canzone in questione, vincitrice di un Premio Oscar e di un Golden Globe, è solo uno dei celebri successi che compongono la colonna sonora dello spettacolo.

Il 12 e 13 Aprile Geppi Cucciari nel nuovo spettacolo Perfetta, scritto e diretto da Mattia Torre, fra i più apprezzati autori contemporanei. Un esilarante monologo teatrale che racconta un mese di vita di una donna attraverso le quattro fasi del ciclo femminile. Una donna che conduce una vita regolare, scandita da abitudini che si ripetono ogni giorno, e che come tutti noi lotta nel mondo. Ma è una donna, e il suo corpo è una macchina faticosa e perfetta che la costringe a dei cicli, di cui gli uomini sanno pochissimo e di cui persino molte donne non sono così consapevoli. Perfetta è la radiografia sociale, emotiva e fisica di 28 comici e disperati giorni della sua vita.

Il 18 Aprile, omaggiando l’arte e la vita del geniale e controverso compositore, la danza di Spellbound -che torna al Politeama dopo Carmina Burana e Le Quattro Stagioni- traduce in movimento sensuale e fulmineo i famosi “crescendo”rossiniani” nel nuovo spettacolo Rossini Ouvertures, con coreografie di Mauro Astolfi.

Il 20 e 21 Aprile dopo il successo di Crostatina Stand Up e Horny, il nuovo spettacolo di Antonio Ornano: Non c’è mai pace tra gli ulivi (Horny III). Un monologo da Stand Up comedy dal ritmo incalzante, una comicità irreverente e spietata sui piccoli e grandi meccanismi della nostra vita sociale.

L’11 e 12 Maggioil nuovo spettacolo della celebre compagnia dialettale lombarda I Legnanesi, Signori si nasce… e noi?, con Antonio Provasio, Enrico Dalceri e Luigi Campisi. Le massime di Teresa e Giovanni e i coloratissimi balli in costume di Mabilia ci riportano alla quotidianità dei nostri cortili omaggiando il mito di Totò, a 50 anni dalla sua scomparsa.

ultimi articoli nelle categorie