Ilva di Cornigliano, giornate decisive

Nei giorni in cui la nuova proprietà indiana della Mittal si sta facendo conoscere anche dai turbolenti

sindacati italiani, cresce il malcontento da parte degli operai, timorosi di perdere diritti e privilegi cui hanno goduto per decenni. Ed i numeri non contano secondo la FIOM CGIL. Infatti, solo nella sede genovese di Cornigliano, ci sarebbero duecento persone che non rientrano nei piani di assunzioni dei nuovi proprietari asiatici, con i circa 3100 cassa integrati a livello nazionale concordati tra i sindacati ed ArcelorMittal. Il tavolo sull'accordo di Programma previsto per lo stabilimento genovese di Cornigliano è previsto oggi, mentre ieri mattina le parti si sono incontrare nella sede genovese di Confindustria per cercare di limare i dettagli che mancano per la pace sociale nel ponente genovese.

ultimi articoli nelle categorie