La Cisl come la Cgil sul lavoro a Genova

Bandiere della Cisl al vento a Genova

Se da un lato i dati Istat sul lavoro hanno fatto sorridere la Regione Liguria, dall’altro canto ecco una doppia

rimandatura da parte dei sindacati: prima l Cgil, rossa, e ora la Cisl, in mano ai cattolici. Da piazza Colombo fanno sapere: <Il tasso di disoccupazione si riduce rispetto al 2017 in tutte le regioni con l'eccezione di Liguria, Veneto e Friuli-Venezia Giulia. Genova è una delle poche città dove il tasso continua a crescere. Il tasso di occupazione cresce in tutte le regioni del Nord, con l'eccezione di Liguria ed Emilia-Romagna. A livello provinciale, nella provincia della Spezia, che perde 1,9 punti, la situazione più pesante. Fa eccezione solo Imperia che cresce di 2,2 punti. Certo, sul nostro territorio ha pesato l'effetto Ponte, ma i dati dell'Istat mettono in luce che è necessaria una forte spinta per il lavoro in questa regione attraverso incentivi per le assunzioni, anche grazie all'occupazione che può essere offerta dai lavori di demolizione e ricostruzione e di recupero della zona sottostante il viadotto. Serve anche la misura nazionale del taglio delle tasse sul lavoro. Il resto, se partiranno le infrastrutture la cui assenza è il nostro vero gap competitivo, verrà da sé per tutta la Regione>.

ultimi articoli nelle categorie