Carlo Felice, nessun esubero

Aria nuova al Carlo Felice

Aria nuova al Carlo Felice

Nonostante l'ostracismo dei lavoratori del Carlo Felice, con tanto di manifestazioni e slogan nel corso

dell'ultima estate, il sindaco Marco Doria annuncia che non ci sarà nessun esubero all'interno del più importante teatro cittadino. Davvero una belle notizia per la nostra città e sopratutto per le famiglie dei lavoratori dello stabile, il tutto salvando la fondazione lirica dal profondo rosso. Marco Doria ha spiegato ciò nel corso di una nota trasmissione televisiva locale: "Sono previste riduzioni del personale che sarà ricollocato, non licenziato, in altri rami dell'amministrazione dei Beni culturali. Il piano prevede di usare meglio il personale facendo svolgere i lavori dati in appalto a ditte esterne ai dipendenti del Carlo Felice". L'obiettivo del Carlo Felice è accedere al "contributo pubblico previsto dal Decreto Bray, un prestito con un interesse basso per ridurre il debito e gli oneri finanziari che il Carlo Felice paga". Il Ministro, nel corso della sua ultima apparizione a Genova, era stato osannato dai lavoratori del carlo Felice.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport