Guglielmo Bonanno sul Reddito di Cittadinanza

"Persino Luigi Di Maio, uno dei leader del Movimento 5 Stelle, lo dice ormai da giorni: il reddito di cittadinanza va cambiato! Non funziona più così, lo vediamo ogni giorni noi del sindacato, con le richieste che ci arrivano ed i controlli, giustamente, sempre più stringenti per via dei casi molto dubbi".
Il tributarista genovese Guglielmo Bonanno, dello stadio Bonanno, analizza l'evolversi della situazione dopo gli ultimi avvenimenti romani, per il rinnovo del Reddito di Cittadinaza (RdC), osteggiato dal centrodestra, guardato con sospetto dal Pd, e sponsorizzato da buona parte del Movimento 5 Stelle, che ormai la vede come l'ultima battaglia campale di questa tribolata legislatura.

Nell'ultima settimana, la norma del decreto fiscale che stanzia 200 milioni per far fronte alle maggiori richieste di reddito di cittadinanza nel 2021 per coprire gli assegni fino a dicembre, è in dubbio, col premier Draghi che traballa.

"L'idea di come è nato il Reddito di Cittadinaza è giusto - chiosa Bonanno - Il problema è nato come è stato gestito. Quando uno rifiuta una occupazione, va tolto. E questo lo stanno affermando alcuni grillini moderati come Di Maio, in primis. Le casse dello stato languono, non possiamo permetterci questo lusso. Poi, dopo gli ultimi controlli della Guardia di Finanza, con migliaia di persone che lo percepivano senza averne diritto. Non dimentichiamo che le medio - piccole aziende del Nord sono in difficoltà nel trovare nuovi lavoratori, appagati dal Reddito di Cittadinanza".

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport