Comune di Genova, salvi i posti di lavoro

Ora è ufficiale. Il primo cittadino Marco Doria (foto) ha spiegato davanti a una platea numerosa che non metterà

nessun dipendente in cassa integrazione, in cambio di un ritocco verso l’alto dell’Imu, si parla di un aumento tra l’1% e lo 0,75%. “I posti di lavoro resteranno intatti, è una promessa che faccio da tempo alla cittadinanza – ha ribadito Doria – Non posso tagliare i servizi sociali, perché se tocco questo cancello dei posti di lavoro. Sono convinto che i pochi soldi a disposizione possono essere spesi meglio, anzi devono essere distribuiti in maniera migliore”.

Intanto si avvicina un giorno importante per il comune di Genova e le sue finanze con una discussione a palazzo Tursi sui servizi sociali, sul cosa mantenere e cosa eventualmente tagliare, con il relativo ritocco verso l’alto della tassa sulla casa. E tutti, ovviamente, si appellano alla scialuppa di salvataggio chiamata Imu. Sembrerebbe essere questa l’unica soluzione per non tagliare il sistema welfare che regola e gestisce Genova. L’aumento di un punto percentuale darebbe quella solidità economica necessaria a palazzo Tursi per non toccare il sociale, come ha ribadito ieri sera, nel corso di una trasmissione televisiva, l’assessore al Comune di Genova Gianni Crivello, l’ex presidente del Municipio Polcevera.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport