La Carige riparte!

Banca Carige

Banca Carige

Lo possiamo gridare un po' forte? Basta, per favore, con questo "rumore" sulla Carige. Basta con attacchi 

e ipotesi, sussurri e grida che non servono a nulla, fanno solo male a chi all'Istituto è molto vicino (e diciamo pure i tanti cittadini genovesi).
Oggi sarebbe solo importante per questa città, così misera, a volte così maligna quando un "potente" va male (senza ricordare le belle cose fatte da questo "potente" per la Superba), chiudere un certo capitolo e aprirne un altro: quello positivo.
La Carige ha finalmente un nuovo Presidente, apprezzato da tutti, ma sopratutto è un "gruppo" che occupa il sesto posto a livello nazionale, è una delle poche strutture che portano Genova in alto. Pensate, gestisce circa due milioni di clienti, dà del pane a sei mila famiglie, ha 55,000 azionisti.
Ora, diciamo noi, è mai possibile che di fronte ad una simile situazione, la città continui a guardare al passato. Ma chi se ne importa che la Fondazione (che è un fatto nettamente staccato dalla banca) avrà o no sfiduciato il suo presidente...Problemi suoi...
Noi affermiamo: la Carige del domani ha tre obiettivi: la ricerca del nuovo Amministratore Delegato, la predisposizione del piano industriale 2014-2016 e infine la chiusura del rafforzamento patrimoniale.
Vittorio Sirianni

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport