Cna Liguria, che storia!

la lunga storia di Cna Liguria

La lunga storia di Cna Liguria

Presentazione con i fiocchi quella avvenuta ieri per il volume "Cna Liguria – La Storia", alla presenza di Marco Merli

e Massimo Giacchetta presidenti di Cna Liguria e Cna Genova, dell’Assessore allo sviluppo economico della Regione Liguria Renzo Guccinelli, del Sindaco di Genova Marco Doria e degli autori Pierfranco Pellizzetti e Riccardo Riboldi.  “Da oltre trent’anni milito in Cna - ha detto Marco Merli Presidente di Cna Liguria – e ho cercato innanzitutto di conoscere e ascoltare i tanti artigiani, i dirigenti e gli associati che, giorno dopo giorno, costruivano la Cna.
Nel valore di quelle testimonianze mi è sembrato di cogliere il significato profondo e, al tempo stesso, l’estrema attualità della dimensione associativa: un impegno che oltrepassa le pur legittime aspettative della singola unità aziendale, per diventare scelta di campo; quasi, vorrei dire, di civiltà”. Un libro che servirà ai nuovi dirigenti dell’associazione per capire la nostra storia e dove vogliamo andare. Che servirà a congiungere i giovani imprenditori, le donne ai dirigenti più esperti e ai nostri numerosi pensionati.

Con il passare del tempo ho avvertito sempre di più la necessità di salvaguardare quel patrimonio, di riportare alla luce i documenti e le testimonianze. Dare vita a una narrazione che ripercorresse gli oltre sessant’anni di storia della nostra associazione. E dall’angolo visuale della Liguria innescare un processo, riproducibile anche in altre aree, per ottenere analoghi risultati… Se la vicenda complessiva dell’artigianato italiano nasce nei territori, siano i territori a ricostruirla. Appunto, narrarla. Abbiamo cercato di descrivere e raccontare il percorso di tale sviluppo - ha proseguito Merli. - Le pagine di questo libro devono servire a darci forza, a sostenere le nostre idee. I tempi sono difficili, le aziende navigano a vista in mezzo ai marosi. L’aiuto che deriva dall’appartenenza associativa può rivelarsi decisivo. Lo sarà a maggior ragione se riusciremo ad affermare visioni strategiche in cui “il fare impresa” verrà riconosciuto dall’intera comunità nazionale come una priorità collettiva, come l’ancora di salvataggio della nave alla deriva”.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport