Siri, Spinelli, Cosulich

Aldo Spinelli

Aldo Spinelli

Rivado alla serata del derby. E ricordo tre personaggi che hanno fatto la storia del Genoa per tanti

anni. E che si erano ritrovati, uno accanto all’altro, nella speranza di vedere il Grifo vincitore. Non è andata bene, ma i tre hanno avuto tanti sorrisi e felici strette di mano da molti “veri” tifosi, quelli che, per intenderci, vedrebbero bene il Genoa, nel caso Preziosi decidesse di andarsene, nelle mani di questi tre “signori rossoblù”. I loro nomi? Aldo Spinelli, Augusto Cosulich e Silvano Siri. Si sentiva sussurrare quella sera: “Ecco, altro che strani personaggi da fuori o dalla Cina, questi potrebbero fare il bene del Genoa”.
Spinelli cercava di starsene nascosto in un cappuccione nero (c’era un freddo della malora), Cosulich, grande operatore portuale “re” della Cina, sorrideva come ai vecchi tempi di anni gloriosi. Silvano Siri “re” dei saloni automobilistici, patron della “Piave Motori”, spalla e suggeritore prezioso di Spinelli nel Livorno, ebbe lunga esperienza sulla panchina del Genoa come accompagnatore degli arbitri (quando c’era lui, stranamente, i direttori di gara sapevano come comportarsi nei confronti dei rossoblù). Niente di illecito, sia chiaro, ma solo giustizia e correttezza professionale. I tre, ovviamente, non pensano a diventare dirigenti del Genoa, ma certo pensa che solo l’ora, genovesi, veri amanti del Grifo, sarebbero le persone più giuste. Silvano Siri aggiunge: “Sono passati i tempi belli di una volta, quando c’era amore vero verso il Genoa. Ma torneranno? “Penso proprio di no, certo sarebbe interessante che managers cittadini pensassero alla loro squadra, alla società più vecchia in Italia. Già. Invece questa Genova, come in alte aree, è ormai in mano ai “foresti”. La Samp ai romani, il teatro ai parmensi, la regione ai lombardi, i giornali ai piemontesi”. Conclude Silvano Siri, un vero innamorato della città e della sua squadra: “Nonostante tutto credo ancora che il Grifo salga verso l’alto…In fondo, da dieci anni, siamo in serie A…E se i tifosi non vogliono Preziosi, beh, pensino che potrebbero cadere nella catastrofe organizzativa…
VITTORIO SIRIANNI

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport