Quando riapre la Miniera di Gambatesa?

La miniera di Gambatesa è chiusa da quasi due anni

La miniera di Gambatesa è chiusa da quasi due anni

Dal levante si alza un grido di dolore. Da troppo tempo uno dei simboli che dura da centinaia

di anni, la Miniera di Gambatesa, nel cuore della val Graveglia, all'interno del comune di Nè, è chiusa. Si tratta di un autentico smacco per tutta la vallata, visto che nel passato erano state organizzate numerose scolaresche per omaggiare uno dei luoghi che vide una grande partecipazione collettiva alla lavorazione sotto terra, persone che arrivavano addirittura dalla vicina Emilia pur di dare il loro contributo. La miniera era aperta al pubblico dal lontano dicembre 2000 e negli ultimi anni si era caratterizzata per un afflusso di circa 16,000 visitatori all'anno. Fino allo scoppio della prima guerra mondiale lavoravano circa 100 minatori, la maggioranza di essi emiliani, veneti emigrati dal vicentino e veronese e chiavaresi, ma anche abitanti di Nè.
E così ecco che il consigliere regionale centrista Ezio Chiesa (appartenente al Gruppo Misto), di Rapallo, torna a sollevare la questione della miniera, la cui galleria non è più visitabile da due anni. Sono trascorsi quasi ventiquattro mesi dall'ultima visita guidata sul trenino con tanto di caschetto giallo in testa della galleria della Miniera di Gambatesa: “Intanto tre persone hanno perso il posto di lavoro, per non parlare dei danni economici causati al territorio – dice Chiesa – Non possiamo permetterci l’ennesima cattedrale nel deserto”.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport