Tutti in fila per Correa

Gli ecuadoregni a Genova sono circa 30.000

Gli ecuadoregni a Genova sono circa 30.000

L'arrivo a Genova del presidente dell'Ecuador, Raffael Correa, ha mandato in fibrillazione i circa 30,000

sudamericani residenti in tutta la Liguria, di cui circa 24.000 nel solo Comune di Genova, più circa 2000 irregolari. A Sampierdarena, il cuore della presenza dei giallorossoblù, non si parla d'altro da giorni, ma anche a Certosa, Rivarolo, Dinegro, nel centro storico, Marassi, San Fruttuoso, Staglieno e Cornigliano la presenza degli ecuadoregni è massiccia. Questa mattina Correa, di estrema sinistra e anti Usa, ma fervente cattolico, ha effettuato un primo giro nel cuore della city, "scortato" da console e ambasciatore. davanti alla Casa di Colombo in piazza Dante si è intrattenuto con i giornalisti locali: "Genova è una città molto bella ed accogliente, sono contento che la nostra comunità si sia integrata, ma il mio obiettivo è fare ritornare alcuni di essi nella nostra patria. E persino qualche genovese che ci potrebbe servire". A breve Correa parlerà in una sorta di incontro bilaterale con il sindaco di Genova Marco Doria. Poi volerà alla Fiumara per un maxi incontro con i suoi concittadini. Previsto l'arrivo di oltre 400 poliziotti da tutta la regione per effettuare un degno servizio d'ordine.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport