Bomba a Principe, diverse piste

Qualche istante dopo l'esplosione della bomba a Principe

Qualche istante dopo l'esplosione della bomba a Principe

Ci sono diverse piste al vaglio degli inquirenti per la bomba esplosa due giorni fa vicinissimo alla stazione

Principe, davanti alla farmacia Pescetto e il commissariato della Polizia. Proprio la presenza della sede della Polizia fa pendere verso alcune ipotesi, ma manca la prova.
In primis chi ha messo l'ordigno lo ha fatto nell'arco di sette giorni, il tempo da quando è stato svuotato l'ultima volta il cassonetto della raccolta differenziata della plastica. Una bomba che poteva uccidere, su questo non c'è dubbio, se tenuta in mano o all'altezza di petto o testa. E poi è stata solo una casualità che non c'è stato nessun ferito. L'unica persona che transitava a circa un metro, una donna di 55 anni di Borgo Fornari, infatti, è rimasta solo choccata per ore dal forte botto che ha mandato in frantumi la campana gialla, ridotta in mille pezzi. Il mix di sostanze chimiche creato ad hoc per l'ordigno rudimentale è di quelli che fanno venire in mente gli anni di piombo. la polizia vaglia diverse piste, la prima porta agli anarchici, sopratutto per il "modus hoperandi" e per la presenza del commissariato di polizia. La seconda a qualche mitomane, la terza a un gesto dimostrativo che manca ancora la firma o rivendicazione, la quarta e ultima uno stupido gesto di qualche semi folle amante dei petardi.
Ieri mattina gli investigatori del Commissariato Prè e della Digos hanno terminato di raccogliere gli hard disk del sistema di videosorveglianza di piazza Acquaverde per riuscire a dare un volto all'attentatore. Sono sei telecamere: una che ruota a 360 gradi della centrale operativa della polizia municipale, due piazzate nell'atrio della Stazione Principe e gestite dalla Polfer, due di hotel e una della farmacia Pescetto. Sono impianti in grado di effettuare registrazioni di 72 ore. Al momento vengono spulciati i frame nell'intervallo tra mezzogiorno e le 14.32, quando la bomba rudimentale è esplosa perché il timer, non poteva essere tarato per oltre due ore.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport