Stato di abbandono a Maxena (Bargagli)

BARGAGLI (GE). Ieri mattina di abitanti di Maxena, frazione di Bargagli in alta val Bisagno, si è ritrovata presso la Casa Comunale di Bargagli per chiedere al Sindaco di intervenire con urgenza al fine di risolvere i molti problemi che, da tempo, attendono l’attenzione dell’Amministrazione Comunale.
Scarichi fognari rotti e maleodoranti, strade interne dissestate, illuminazione pubblica insufficiente, mancanza di parcheggi, messa in sicurezza della strada provinciale e del cimitero, rifacimento del parco giochi, messa a disposizione di un immobile di proprietà del Comune per attività ludiche e di aggregazione, ed altro ancora.
A ciò si aggiunge l’estremo stato di degrado e precarietà della Chiesa e di altri ruderi pericolanti i cui proprietari non risultano più reperibili in quanto emigrati o deceduti.
Anche la recente chiusura del Traforo Bargagli Ferriere, ha incrementato a dismisura il transito di veicoli, che impegnano la strada ad alta velocità, creando pericoli soprattutto per i bambini. Di questo si voleva discutere, ma ciò non è stato possibile in quanto, nonostante il congruo preavviso inviato a mezzo PEC, nessuno degli amministratori e dei consiglieri di maggioranza era presente. Come gruppo di minoranza, avevamo inviato al Sindaco una lettera che riassumeva gli aspetti sopra elencati il 13 novembre 2021 e presentato una interrogazione discussa nel corso del Consiglio Comunale del 28/02/2022, ma ciò non ha prodotto risultati tangibili. 
Stamane abbiamo nuovamente registrato il disagio di questi “Bargaglini” che non devono essere dimenticati solo perché vivono in una frazione lontana dal centro del paese, ma meritano rispetto da parte dell’Amministrazione Comunale. 
Il Sindaco, sentito telefonicamente, si è impegnato a presenziare ad un nuovo incontro fissato per sabato prossimo 26 marzo, alle ore 10,30 a Maxena.

I Consiglieri di Insieme per il futuro di Bargagli

 

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport