Ritrovamento storico in alta val Trebbia

OTTONE (PC). Durante i lavori di ristrutturazione in una decrepita cascina di Artana, frazione di Ottone (PC), col preventivo accatastamento in esterno di tutti gli attrezzi agricoli è comparsa in una nicchia "murata" con delle pietre un tesoro incommensurabile risalente alla fine della Seconda guerra mondiale.

Quella che sembrava una semplice canna da pesca lo era in effetti ma la borsa in pelle da corrispondente di guerra di allora, posta accanto alla canna, una volta aperta ha svelato grazie ad una lettera trovata al suo interno l'ultimo utilizzatore ... addirittura Hernest Hemingway!

Nella lettera scritta di suo pugno con tanto di firma, ancora perfettamente conservata, Hemingway ringrazia il compagno di pesca sul torrente Boreca per la "proficua e bellissima giornata", fa riferimento addirittura con sorpresa alla pesca di gamberi neri di fiume, e per ricompensa regala la sua borsa da corrispondente al contadino di Artana che a quanto pare decise di nasconderla molto bene. La canna utilizzata da Hemingway quel giorno gli era stata invece prestata dallo stesso gentile e fortunato paesano di Artana che gli ha fatto da cicerone per un giorno intero risalendo l'alveo tortuoso del torrente Boreca, è lo stesso Hemingway a scriverlo nella lettera sottolineando come non ne avesse mai usata una di "siffatta fattezza".

A questo punto abbiamo una prova certa del passaggio di Hemingway in Valle ma forse la famosa frase a lui attribuita "...oggi ho visto la Valle più bella al mondo..." è da considerarsi riferita alla bellissima ed ancor oggi incontaminata val Boreca e non alla altrettanto bella e più blasonata val Trebbia.

È proprio il caso di dirlo che la val Boreca racchiude la Storia di secoli da Annibale a Hemingway ed ogni tanto ci regala generosamente reperti come questi appena ritrovati ieri.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport