Quasi terminata la sperimentazione dei nuovi bidoni

I nuovi bidoni installati in via Robino, a Marassi Alta

Pian pianino stanno sostituendo i vecchi bidoni della spazzatura generici e quelli differenziati in ogni quartiere di Genova. Un piano capillare dettato da Amiu e dalla giunta Bucci, ha previsto l'iniziale affiancamento di alcuni pensionati volontari (pagati qualche euro) per spiegare, con tanto di depliant in mano (gli stessi sono stati spediti ad ogni famiglia genovesi nella posta) l'utilizzo dei nuovi bidoni. Nella fase sperimentale, i bidoni saranno aperti da un tastino, dopo aver sentito un rumore elettronico. Ma a breve, i bidoni organici, non riciclabili, della carta, plastica e vetro (già infuriano le polemiche per le strette bocche da infilare la spazzatura) saranno apribili solo con un chip cui sarà dotato ogni cittadino. Una maniera atta per verificare quanta spazzatura si getta nei bidoni e per impedire di accumulare la "rumenta" in altri angoli della città, infatti ogni famiglia potrà gettare la spazzatura solo nel proprio bidone, condiviso con altri, in prossimità della propria abitazione.

Come zone, fino ad ora quelle che sono state investite dal cambiamento sono state marassi, San Fruttuoso, Staglieno, Molassana, Manin, Castelletto, una parte del centro. manca in tutto il resto della città.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport