Comanducci boccia gli Erzelli

Paolo Comanducci rimanda sine die il progetto Erzelli su Ingegneria

Paolo Comanducci rimanda sine die il progetto Erzelli su Ingegneria

Il neo rettore di Genova, Paolo Comanducci, sembra aver dato retta allo sconfitto, che aveva minacciato

un durissimo ostruzionismo per il trasferimento della facoltà di Ingegneria dal polo attuale di Albaro alla collina high tech degli Erzelli, sopra Cornigliano. Ecco le parole del neo rettore che sembrano mettere la pietra tombale su un progetto irto di ostacoli fin dalla sua nascita. "L'Agenzia del territorio ha comunicato il valore dell'area di Erzelli, 8 milioni di euro: la metà di quelli che "Ght" ha chiesto all'Università. Il parere dell'Agenzia è vincolante: quindi è stop all'operazione. Il suo è un parere vincolante, ha dato valutazione del terreno di poco superiore agli 8 milioni. Che è poco più della metà di quanto ha richiesto Ght. Il Cda deciderà la prossima settimana. C'è ancora una strada: l'esproprio dell'area da parte del Comune. E comunque non escludo il trasferimento di alcuni laboratori di Ingegneria".
Nel frattempo Comanducci, in ferie in Argentina, annuncia la sua politica sull'Università genovese, cercando di rilanciare il piano che prevede nuovi alloggi per gli studenti non genovesi. "Potremo raddoppiare, e portarli fino a 2000, i posti letto per gli studenti. Ho già parlato con il sindaco Marco Doria e ci stiamo lavorando: d'accordo con Comune e associazioni immobiliari, creeremo una banca dati di affitti calmierati e nello stesso tempo garantiremo i proprietari dai danni. Inoltre bisogna moltiplicare i corsi in lingua inglese, in tutte le facoltà e favorire i soggiorni all'estero degli studenti per preparare i nostri ragazzi al loro luogo di lavoro, che sarà il mondo. Dobbiamo attirare studenti dalla sponda sud del mediterraneo, sigleremo accordi con altre università straniere".

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport