Carcere di Marassi, e' allarme rosso

Al carcere marassino la situazione è bollente da anni

Al carcere marassino la situazione è bollente da anni

Sono anni che alcune associazioni sindacali della polizia carceraria segnalano la pessima situazione legata

alle strutture ligure, in particolare al carcere di Marassi, il più grande dei sei (Imperia, Savona, Marassi, Pontedecimo, Chiavari, La Spezia) presenti nella nostra regione. In primis per il sovraffolamento, poi per la presenza di etnie acerrime nemiche da sempre che si fronteggiano nell'ora di libertà, ma anche attraverso insulti dalle sbarre. E così non stupisce affatto l'ultimo caso avvenuto, tra quelli che si sanno e filtrano dalle case rosse marassine, l'altro ieri. 
Un detenuto marocchino ha pensato di inscenare una singolare protesta pur di non rientrare nella sua cella al termine della sua ora d’aria, facendo prima opposizione verso il poliziotto che più volte cercava di farlo ragionare invitandolo al rientro in cella. Il detenuto, visto il rifiuto ala sua richiesta di poter andare in cella singola, armato di una lametta, si è tagliato sula pancia. Il poliziotto di turno non ha esitato un attimo, soccorrendo il detenuto ed allertando il reparto sanitario del’istituto genovese.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport