I cinesi mettono a segno un altro punto

I cinesi avanzano anche in val Bisagno

I cinesi avanzano anche in val Bisagno

Non solo via Gramsci è totalmente in mano loro. Nell'arteria davanti al Porto Antico si contano la bellezza

di quaranta attività commerciali dei cinesi, ben 38 sono negozi di abbigliamento presi d'assalto regolarmente da nord e centroafricani, due solo le agenzie di viaggio che hanno preso il posto dei vecchi commercianti italiani, che oramai resistono solo con Calibro 9, tre punti al Mercatino si Shangai, il Mercato comunale di Via Prè e un tabacchino e un bar lato Porto Antico.
Ma i cinesi continuano ad avanzare e mettono a segno un colpo eccezionale in Val Bisagno, a Prato, all'altezza della via che sale a Fontanegli dove nei giorni scorsi, in tempo per Natale, hanno inaugurato un mega store che prende il posto di Iper Bimbo. Con un po' di tristezza da parte delle mamme e papà genovesi, il negozio di 600 metri quadri riservato all'abbigliamento e all'alimentare dei bambini dai zero ai 10 ha chiuso per sempre, complice la bassa natività. E allora ecco che gli orientali si sono inseriti nella trattativa e nel giro di una settimana hanno concluso l'affare, come successe al Lagacco nell'area ex Stefanzl o in pieno centro, davanti alla stazione Brignole, con due punti, uno di vestiti e l'altro per la casa, bricolage, giocattoli e i bimbi. Questo enorme store, però, avrà oggetti di marca, alimentari di prima qualità, ma che costano poco. Una concorrenza in più per i commercianti italiani.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport