Luca Garibaldi (Pd) sul nuovo governo giallorosso

Il più giovane consigliere regionale in Liguria, il Dem della val Fontanabuona Luca Garibaldi, fa due analisi sul nuovo governo giallorosso, sbilanciato a  sinistra vista la presenza di Leu, che forse rientrano nel Pd: "Le formule non si replicano: si devono costruire partendo dai temi e dal giudizio sull'amministrazione regionale della Giunta di Giovanni Toti, sempre più vicino al fronte sovranista e lontano dalla Liguria. Il bilancio è fortemente negativo, la Liguria ferma. Il lavoro comune tra esponenti dell'opposizioni c'è stato. La Liguria ha bisogno di una rappresentanza diversa, aperta anche alle forze civiche. La Liguria è un laboratorio di come sarà il Paese tra vent'anni e i filoni su cui aprire un confronto sono due: sostenibilità ambientale ed equità sociale. Servono un modello di sviluppo ecologicamente sostenibile e misure che frenino la disuguaglianza crescente. Temi che favoriscono l'aggregazioni e possono portare a elaborare linee di azione solide, alternative e credibili, da percorrere dal basso per voltare pagina. Nella politica e nei volti." .
Garibaldi conclude con un occhio sul levante genovese: "Sono stati nominati i sottosegretari del nuovo Governo: tra i componenti c'è un parlamentare del Tigullio, Roberto Traversi, indicato come sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, a cui va il mio augurio di buon lavoro".

 
Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport