Murolo (Fdi) sull'Afghanistan: "Aiutiamoli, ma attenzione agli infiltrati"

Giuseppe Murolo di Fratelli d'Italia

Giuseppe Murolo di Fratelli d'Italia

Giuseppe Murolo, responsabile regionale Cultura ed Innovazione di Fratelli d'Italia, ha idee chiare su quanto stia avvenendo nel “lontano” Afghanistan.

"Gli avvenimenti delle ultime settimane hanno messo a nudo ancora una volta le criticità della zona e gli errori sotto la guida a Stelle e Strisce di noi occidentali che abbiamo abbandonato il territorio all'improvviso, ma soprattutto evidenziato l'impreparazione dell'esercito locale, forte di 300.000 uomini ed armi Nato, tutte consegnate alle milizie talebane. L'esercito si è arreso davanti alle forze avversarie, stimate in 85 mila combattenti armati di lancia razzi di epoca sovietica".

Ora si apre un nuovo scenario, l'ennesimo di questo martoriato popolo: la fuga dei collaboratori degli occidentali, anche in Italia. Ed a quanto sembra, ugualmente, la nostra Liguria dovrà fare la propria parte. Ma Murolo “mette i puntini sulle i”

"Aiutare le persone che hanno lavorato con noi italiani è umano, ma attenzione a non creare campi profughi dove si possano insinuare indottrinatori che troverebbero terreno fertile per radicalizzare individui disperati. Le intelligence di tutto il mondo occidentale hanno già messo in guardia i governi che vogliano accogliere la massa di rifugiati politici.  Dobbiamo essere intransigenti e non buonisti nei confronti di chi si voglia intrufolare in maniera illegale nel nostro paese, oppure scappi per un mero motivo economico e non da rifugiato politico…”

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport