Il ritorno di Marta

E se alla fine fosse ancora lei, la ex Sindaco di Genova, una delle papabili alle prossime elezioni comunali?

Sarà forse fantapolitica, ma dopo le elezioni nazionali si è rifatta viva Marta Vincenzi. Prima bacchettando le decisioni sulla gronda prese dall’attuale primo cittadino Marco Doria, il vincitore delle primarie per la corsa al sindaco (terza arrivò la Pinotti, quarta la Burlando e quinto Sassano), infine ha lanciato l’ennesima frecciatina verso il suo partito, il Pd, affermando che deve cambiare e non a caso il boom di Grillo è arrivato principalmente in Liguria, regno del partito di Bersani, in questi giorni la sua leadership è messa in dubbio dai renziani. Insomma, la Vincenzi, pur azzoppata dalle inchieste sull’alluvione del 4 novembre 2011 che la vedono in prima linea per una serie di telefonate sospette (rea di aver coperto alcuni funzionari, sembrerebbe), è più battagliera che mai.

La cocente delusione della sconfitta alle primarie ha lasciato il segno sulla ex europarlamentare del Pd, recordman di preferenze nel collegio Liguria - Piemonte, ma siamo certi che ha ancora tante cartucce da sparare.

In più, la pepata risposta di Marco Doria (“ma perché non ha fatto lei il referendum sulla Gronda?”) l’avrebbe fatta ancor di più imbufalire, così dicono i bene informati.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport