Monteleone alza la voce

Dopo un periodo di silenzio, dovuto all’amara bocciatura arrivata dalle urne nelle ultime elezioni politiche,

con il Centro di Monti che ha arrancato in quasi ogni collegio alle spalle di Centrosinistra, Centrodestra e Movimento Cinque Stelle, è tornato a parlare il presidente del Consiglio Regionale ligure e indiscusso leder dell’Udc nella nostra regione, Rosario Monteleone, sampdoriano doc.

Da buon democristiano di vecchio corso, Monteleone ne ha per tutti. La sua è una analisi a 360° sia per quanto riguarda la situazione di stallo a livello nazionale, con la formazione del nuovo governo centrale e con l’imminente elezione di un Presidente della Repubblica bipartisan, che sulla giunta Burlando e quella comunale guidata da Marco Doria.

“Da tempo vado ripetendo che il modello ligure, che prevede una coalizione assai allargata di centrosinistra che spazia dall’Udc fino a Rifondazione, sia un modello vincente e da seguire. Dovunque è stato proposto ha ottenuto un buon numero di voti. Certo, le differenze ci sono e ci stanno, viste le storie non in comune dei vari partiti, ma alla fine si governa bene e si ottengono risultati”.

Monteleone elogia poi senza esitazioni Burlando, etichettandolo come un leader indiscusso per il centrosinistra a livello regionale, di una caratura eccezionale; forti perplessità, invece, sull’operato di Doria che, secondo Monteleone, sta spaccando il Pd tra un’ala moderata e un’altra che guarda a sinistra e ai movimenti. Queste dichiarazioni non devono affatto stupire; infatti nell’ultime elezioni comunali l’Udc appoggiò Musso alla corsa per salire a palazzo Tursi.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport