Le promesse di Burlando

Chiuso da alcuni giorni il tour in tutti i comuni della Liguria, come aveva promesso in campagna elettorale

, il Governatore Claudio Burlando punta a chiudere in bellezza il proprio mandato. Da tempo, infatti, ha annunciato che non si ricandiderà per la terza volta di fila, anche se la legge lo consente, basta vedere i cinque mandati consecutivi del lombardo Formigoni. 
Nemmeno a Ferragosto Burlando ha staccato del tutto la spina, parlando di numerose questioni che interessano la regione. Burlando, in primis, si è soffermato per esempio sulla spinosa questione delle tasse: "L’anno scorso eravamo riusciti a risparmiare 160 milioni di euro, quest’anno ancora qualcosa anche se il sistema dà segnali di collasso, soprattutto sul fronte degli organici, ma nel finanziamento alle Regioni ci sarà un miliardo in meno e alla Liguria arriveranno trenta milioni in meno".
Burlando ha poi analizzato la situazione globale della sanità ligure: "
Quando mi sono insediato, otto anni e mezzo fa, in Liguria c’erano 27 ospedali, ora ne abbiamo 15 e potremmo scendere ancora. Entro fine mandato, nella primavera 2015, partiranno i lavori per il nuovo Felettino della Spezia. È stata durissima: lo Stato ha impiegato 5 anni per darci i finanziamenti: ora ci sono 120 milioni, ma per partire con le gare servono tutti i soldi e noi dovremo trovare gli ultimi 23 milioni che servono. Sarà uno dei problemi che affronteremo a settembre, ma li troveremo". Riguardo all'ospedale del ponente genovese si parla invece con una certa insistenza di due aree, quella degli Erzelli e di Villa Bombrini a Cornigliano. Addirittura sarebbe stato interpellato l'architetto più famoso al mondo, il genovese Renzo Piano.

 

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport