La solitudine di Portanova

Daniele POrtanova si allena da solo a Pegli

Daniele Portanova si allena da solo a Pegli

Lo guardi in faccia e in un attimo capisci che Daniele Portanova, fino all'anno scorso il capitano del

Genoa e attaccatissimo alla maglia rossoblù, è davvero un uomo triste. Abbandonato da una parte della tifoseria (Daniele sperava che gli fosse più solidale), messo ai margini da Gasperini, che gli ha preferito il francese De Maio in difesa, ma addirittura gli ha tolto la fascia per darla a Gilardino, e scaricato dal patron Preziosi. eppure al Grifo aveva dato davvero tutto quello che aveva a 36 anni e con 4 bellissimi bambini come figli, una moglie, magnifica, conosciuta nella sua Roma, lui che è da sempre un grande tifoso della Lazio.
Portanova da due settimane si allena solo, ai margini della squadra, al "Signorini" di Pegli. Gli altri sono in gruppo, lui nel campetto a sette. A questo mondo, verrebbe da dire, non c'è proprio riconoscenza. Portanova aveva salvato il Genoa assieme al suo gemello di reparto Manfredini dallo spettro della serie B con un girone di ritorno stellare con Ballardini allenatore.
Il suo procuratore ha cercato fino all'ultimo di strappare un contratto: si sono fatti vivi Cesena, Chievo Verona e Bologna, destinazioni sempre rifiutate dall'ex capitano del "Vecchio Balordo". Ora, a Portanova, con un contratto al Genoa in scadenza il 30 giugno 2016, non resta che fare le valigie. L'unica speranza sua, ma è davvero remota, potrebbe essere un sollevamento dall'incarico di Gasperini, ma parliamo di fanta calcio.

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport