Derby a bocce ferme

Ha vinto meritatamente il Genoa, è caduta la Samp. Cose che accadono. Ma val la pena ricordare alcuni fatti

e alcuni personaggi. Ecco qua Luca De Prà, il mimetico simpatico amico che voleva spiare le mosse tattiche di Delio Rossi (ma quali, di grazia?). Forse voleva anche andar per funghi. Insomma, un qualcosa di ridicolo, di goliardico: ora che accadrà del povero Luca? La società, con gesto esagerato, lo ha sospeso. Ma dopo il grande successo, diremo il trionfo, Luca dovrà per forza essere riabilitato. E ormai ad ogni derby un "rambo" mimetico il Genoa dovrà procurarselo...Porta troppo bene!
A fine gioco, insomma, si è capito che la Spy - Story altro non era che un piacevole gioco goliardico che sarebbe piaciuto al goliardissimo Enzo Tortora (genoanissimo, pure lui).
Ma che successo anche per Liverani! Ricordate gli insulti pre gara? E oggi? Un Dio! Il calcio è questo. E ricordate gli insulti (o quasi) le parole ridicole, umilianti dette sul suo "abito da cerimonia" della prima partita? Che pena, questi amici cronisti! Liverani, va detto, è un gentiluomo del Centro Italia, si veste con eleganza. E fa benissimo a portare il fazzoletto nel taschino. Ci danno molto fastidio le tute, i giaccotti ruvidi, ineleganti di tanti allenatori "buzzurri". Ben venga finalmente un allenatore in giacca e cravatta: lo ha sostenuto anche Allegri, altro tecnico sempre elegante in abito completo, quasi la partita fosse un matrimonio. Il calcio è anche eleganza, non solo buzzurrume.
Vittorio Sirianni

Pin It

GenovaSì TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport