Avanza la tassa di soggiorno

Era uno dei pochi comuni a non avere la tassa di soggiorno, per la gioia dei turisti

in arrivo da ogni angolo del mondo. Ma ora, anche l’oasi spezzina di Monterosso a Mare, nelle Cinque Terre, una delle ultime località a non avere questo odioso gabello, lo adotterà tra pochi giorni. Anche a Monterosso al Mare si pagherà la tassa di soggiorno che partirà da giovedì 1° marzo e per pagarla servirà soltanto un clic sul computer, questa è la novità voluta dal sindaco Moggia (tipico cognome chiavarese e della val Fontanabuona). Le attività ricettive così potranno registrare i visitatori, comunicando i nominativi all’ufficio comunale, direttamente on-line. Pertanto diventano più semplici le pratiche burocratiche legate all’accettazione dei turisti nelle numerose strutture del paese delle Cinque Terre, dove è prevista l’applicazione di una “tassa di soggiorno” differente a seconda della tipologia di struttura. Si parte da un minimo di 1 euro a persona per notte per gli appartamenti ammobiliati, fino ad un massimo di 2 euro per gli alberghi a 4 stelle in giù per non oltre tre notti.

ultimi articoli nelle categorie