Bucci: gay pride, no pasaran!

Marco Bucci

Il sindaco di Genova, Marco Bucci, dimostra di essere un vero cattolico (ha un fratello frate)

e si oppone al gay pride, per quanto riguarda la concessione del patrocinio, che è più che altro una concessione simbolica. Bucci ha dimostrato di essere più forte della sua stessa giunta (vedi le progressiste Elisa Serafini ed Arianna Viscigliosi, la prima a favore, la seconda addirittura parteciperà), delle lobby che ci sono dietro a questi eventi, dell'Arci Gay, della sinistra, dei grillini. Il primo cittadino ha dimostrato una eccezionale dose di coraggio in questo fronte, affermando solamente che si tratta di un evento che divide, e non che unisce e che la sua giunta compie atti solo a favore di eventi che uniscono la cittadinanza genovese. Davvero un bel modo, garbato, per non fare polemica, per negare il patrocinio. Bucci torna nell'alveo della destra dopo aver negato lo spazio all'associazione culturale "Ramo d'Oro", presente da anni all'inizio di Corso Buenos Aires, per un suo evento, ed attiva nel mondo della destra sociale o post missina (dal 2008 ha occupato la sede in via XX Settembre dell'allora Msi e poi Fiamma Tricolore e Fronte Nazionale).

ultimi articoli nelle categorie