Fabio Tosi al fianco dei tassisti

Si infiamma la polemica a Genova per lo sbarco di Gexi di Simone Gambaro e sua moglie

Cristina, due menti all’avanguardia ed innovative sul fronte del trasporto privato. Talmente avanti che nonostante i pochissimi associati (adottano una politica aggressiva ed innovativa rispetto ai vecchi schemi dei tradizionali tassisti) stanno dando molti fastidi a Radio Taxi, che raggruppa il 98% degli associati a Genova. In merito a questa querelle tra tassisti e sul trasporto pubblico locale, interviene il consigliere regionale Fabio Tosi del Movimento 5 Stelle: “Chiariamolo una volta per tutte: la categoria dei tassisti non è affatto politicizzata, come dichiara il sindaco di Rapallo. Se i tassisti, così come tanti altri lavoratori, si sono rivolti al MoVimento 5 Stelle è perché la sua Giunta e la sua maggioranza, ormai del tutto scollate dalla realtà come buona parte della vecchia classe politica italiana, sono state del tutto incapaci in questi anni di ascoltare le loro legittime istanze. 

Basta guardare al progetto del Frecciabus, che è stato promosso senza il minimo coinvolgimento o partecipazione di cittadini, lavoratori e soggetti interessati. E non è un caso se si è poi rivelato quel colossale flop che abbiamo tutti sotto gli occhi. Non è accettabile che in questa città sia in atto una sorta di tagliola permanente verso chiunque abbia idee diverse rispetto a quelle del palazzo. L'Italia non è la Corea del Nord ma una democrazia parlamentare, e noi ci siamo assunti l'onore e l'onere di governare questo paese, che piaccia al sindaco o meno. 

Come in centinaia di altre occasioni prima di oggi, abbiamo cercato di ascoltare la voce dei tassisti, i loro problemi, le criticità da loro segnalate, per portarle all'interno del Comune. Esiste, peraltro, una legge regionale in materia che dà la possibilità ai comuni di istituire una commissione in rappresentanza di tutte le parti. Ben venga che questa commissione sia finalmente attivata, seppur con 16 anni di ritardo. Come ha detto il Presidente del Consiglio Conte nel suo primo discorso in Senato, "se populismo è attitudine ad ascoltare i bisogni della gente, allora lo rivendichiamo”. Siamo fieri di essere populisti.

”.

ultimi articoli nelle categorie