Dopo 32 anni addio Expo Fontanabuona

Dopo trentadue anni, la Fontanabuona non avrà il suo Expo. Una sconfitta annunciata che matura dopo

mesi di ritardi, tentennamenti, mancate decisioni, e che ha tra i suoi primi responsabili Toti e la Regione, secondo il j’accuse del Movimento 5 Stelle, per bocca del consigliere regionale Fabio Tosi. <Mentre l’intero centrodestra era concentrato unicamente sulle amministrative, si sono visti sfumare i tempi tecnici necessari a reperire i finanziamenti, facendo così perdere al territorio un’altra delle sue eccellenze, con ricadute negative pesanti su tutto l’indotto> osserva la nota polemica dei grillini liguri.

<È l’ennesima dimostrazione di come Toti e i suoi abbiano totalmente dimenticato la Fontanabuona e i suoi abitanti: è inutile presentare interrogazioni parlamentari sul tunnel, se poi a livello regionale si agisce contro gli interessi della vallata e del suo tessuto economico e culturale. Inutile promettere opere in campagna elettorale, per poi dimenticarsene una volta eletti. La perdita dell’Expo Fontanabuona diventa, così, l’emblema di un territorio spremuto, sfruttato, strumentalizzato e infine tradito dall’intera vecchia politica, destra e sinistra senza distinzioni: negli ultimi quindici anni l’allora assessore regionale Boitano e l’ex consigliere regionale Bagnasco (con governo amico) quali risultati hanno ottenuto? Adesso che il MoVimento 5 Stelle è al governo, si svegliano all’improvviso e cercano di rimpallare sugli ultimi arrivati le responsabilità, evidenti, di chi per anni ha preso voti su voti qui senza restituire nulla.

È ora di voltare pagina e di cominciare a lavorare sin da ora perché l’Expo torni ad essere il punto di riferimento che tutti conosciamo e ammiriamo. Ma, per farlo, bisogna mettere da parte le logiche partitiche ed elettorali e lavorare nell’interesse del territorio, dei suoi cittadini e delle sue realtà commerciali e imprenditoriali> concludono i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle.

ultimi articoli nelle categorie