TERRILE: A GENOVA NON SI PUÒ MORIRE

Duro attacco dell’ex segretario provinciale del Pd, Alessandro Terrile, vicino un tempo alla corrente

minoritaria dei bersaniani. “La carenza di personale e la sostituzione del sistema informatico degli Uffici anagrafe comunali sta producendo un vero e proprio caos con gravi danni per i cittadini.

Ci vogliono almeno due settimane per ottenere un certificato di morte, documento indispensabile per avviare le procedure burocratiche a seguito del decesso di un familiare, e i genovesi che si presentano allo sportello vengono semplicemente invitati a tornare dopo qualche giorno per verificarne il rilascio, che puntualmente non arriva. 

Non è uno stratagemma per aumentare la popolazione residente che nonostante le promesse del Sindaco è calata anche nel 2017 di 3.504 unità, secondo l’ufficio statistico comunale.

Purtroppo, le disfunzioni nei servizi civici sono a 360 gradi: ci vogliono ore per ottenere il rinnovo di una carta d’identità, e da settimane è sospeso il comodo servizio di rilascio di certificati on-line.

Il potenziamento del personale degli uffici Anagrafe è oggi una priorità non più rinviabile.

Questo pomeriggio ho presentato in Consiglio Comunale un’interrogazione che non è stata discussa per mancanza di tempo. Attenderò la risposta scritta, auspicando che insieme a quella arrivi dalla Giunta la soluzione a questo inammissibile malfunzionamento”.

ultimi articoli nelle categorie