Parata di politici a Pontedecimo

L'Expo del rilancio di una vallata ferita dal drammatico crollo di ponte Morandi dello scorso 14

agosto. La tre giorni dell'Expo della Valpolcevera a Pontedecimo si chiude con un tripudio di folla e una parata di politici, a partire dal sindaco di Genova Marco Bucci, che nel finale si è prestato al taglio della torta con il presidente del Municipio val Polcevera Federico Romeo, giovane star del Pd locale (si parla di un radioso futuro per lui, anche a Tursi). Oltre a loro due, ecco il Dem Pippo Rossetti, consigliere regionale cattolico di lungo corso, in prima fila davanti al corteo storico, un po' scarno rispetto alla Torta dei Fieschi, ma pur sempre colorato dagli sbandieratori biancocelesti dei Sestieri di Lavagna. Assieme a loro (sei ragazzi col tamburo, altrettanti con le bandiere, tutti giovanissimi), ecco una settantina di figuranti di ogni età, corteo aperto da due asini e quattro pony. Una cinquantina le bancarelle di ogni genere (alimentare, vestiario, giochi per i bambini), più sette bancarelle dell'agro alimentare dell'hinterland della val Polcevera, che unisce i territori di Ceranesi, Campomorone, Mignanego, Serra Riccò e Sant'Olcese, più le Capanne di Murcarolo, al confine con l'alessandrino. Stupisce che nel giorno più importante dell'anno per Pontedecimo, solo pochi negozianti abbiano aderito a tenere aperte le saracinesche e l'unico che ha fatto gli affari d'oro è stato il solito Crocco, al secolo il pasticcere Poldo, ritratto nella foto di rito col sindaco Bucci e Romeo al taglio della torta, offerta in 400 pietanze ai genovesi.

ultimi articoli nelle categorie