A sette anni dalla tragedia del Fereggiano

Nel giorno dei cento anni della vittoria italiana nella Prima Guerra Mondiale contro gli

austro – ungarici, Genova, ancora ferita dal Ponte Morandi, ricorda i sei morti di sette anni fa. Domani, alle ore 11, davanti alla targa in memoria posta all’incrocio tra corso De Stefanis e corso Sardegna a Marassi, si svolgerà la cerimonia di commemorazione in ricordo di Shpresa Dejala, Gianissa Dejala, Gioia Dejala, Angela Chiaramonte, Evelina Pietranera e Serena Costa, le sei vittime, tutte donne, dell’alluvione del 4 novembre 2011, con l’esondazione del piccolo rio Fereggiano, che fece male a tutta Marassi, arrivando ad invadere anche parecchi scantinati e negozi fino alla Foce e in zona Brignole. Divamparono le polemiche, asprissime, per le momissioni dell'assessore Scidone (dell'Idv) e dell'allora sindaca Marta Vincenzi (Pd).

I parenti delle vittime si ritroveranno davanti alla targa per un momento di raccoglimento, mentre due vigili in alta uniforme deporranno una corona di fiori alla presenza del vice Sindaco Stefano Balleari di Fratelli d’Italia, del Console di Albania Giuseppe Durazzo e del presidente del Municipio 3 Bassa Val Bisagno Massimo Ferrante del Pd.

ultimi articoli nelle categorie