La farsa del parcheggio dell'Expo

Da settimane, i genovesi che si vogliono recare all'Expo, si trovano in una situazione

penosa: non possono andare in auto, in quanto i quattro piani del maxi parcheggio dell'ex Cineplex, è misteriosamente sbarrato da una insegna e negato l'accesso. Circa 350 posti auto andati a farse benedire, e monta la rabbia dei genovesi, costretti ad assurde gimkane nei fine settimana, visioni di film saltate, pizze mandate all'aria, passeggiate sotto la ruota panoramica gettate alle ortiche. Con un ritorno economico non indifferente dei commercianti della zona, ora che si avvicina il Natale. Sono liberi i quattro parcheggi vicini, che dispongono tra i trenta ed i 50 posti auto a testa, troppo pochi per soddisfare una cittadinanza costretta a tornare indietro e cambiare i propri piani. Basti pensare che nel fine settimana si scatena il putiferio su quella piccola strada che costeggia la Guardia di Finanza e l'ex mercato ittico di piazza Cavour. O ancora la farsa del parcheggio di Calata Gadda, l'unico che ha sempre la luce verde accesa (significa che ci sono posti auto liberi), invece si fa il girello in auto e si torna punto e a capo dal cancello di uscita, con un pugno di mosche in mano. Ma che succede al Porto Antico?

ultimi articoli nelle categorie