Cala il turismo anche a Genova

Non solo in Liguria, ma anche nel capoluogo ligure calano i turisti che arrivano

in hotel, alberghi, B&B e siti autonomi come Booking, AirBnb e HostelWordl.
Nel mese di novembre (dati non ancora consolidati, con un indice di rispondenza da parte delle strutture pari al 97,98%) la provincia di Genova ha registrato 79.238 arrivi (-0,13%), di cui 49.536 italiani (+1,13%) e 29.702 stranieri (-2,15%), e 179.550 presenze (+2,96), di cui 114.903 italiane (+6,83%) e 64.647 straniere (3,28%).
Nei primi 11 mesi dell’anno è stato superato un milione e 600mila arrivi (+0,52%) e le giornate di presenza sono state quasi 3milioni e 900mila (-0,38%): i clienti italiani sono cresciuti dello 0,54% e quelli stranieri dello 0,50%, le presenze italiane sono calate dello 0,65% mentre quelle straniere solo dello 0,09%.
Le strutture alberghiere (comprensive di alberghi, locande, residenze d’epoca, alberghi diffusi e residenze turistico alberghiere) hanno accolto nel mese di novembre 69.810 clienti (-1,44%) e registrato 149.503 giorni di presenza (+1,64%); quelle extralberghiere 9.428 clienti (+10,83%) e 30.047 presenze (+10,09%). 
Nel periodo gennaio-novembre le strutture alberghiere hanno registrato un calo dello 0,84% per quel che riguarda gli arrivi e dell’1,51% per le presenze; trend più positivo per le strutture extralberghiere che, pur se con dati quantitativamente inferiori, hanno guadagnato il 6,99% in più della clientela e il 3,08% in più delle presenze.
In calo le presenze dei lombardi (-1,70%) che con 634.414 giornate si confermano al primo posto. Seguono i liguri con 285.340 presenze, in aumento dell’1,07%, e i piemontesi (-3,56%).

ultimi articoli nelle categorie