Sospesa la demolizione della pila 8 del Morandi

La sospensione della demolizione con esplosivo della pila 8 del Ponte Morandi, decisa

oggi dalla Commissione esplosivi dopo il ritrovamento di tracce di amianto nella struttura e in attesa di ulteriori analisi, conferma come fosse giustificata la preoccupazione, espressa dai Comitati dei cittadini, dei quartieri maggiormente coinvolti dalla demolizione del viadotto, e dalle opposizioni.
In Comune, il Gruppo consiliare del Pd ha voluto approfondire l’argomento chiedendo nelle scorse settimane un accesso agli atti sul documento di valutazione del rischio rispetto ai lavori sul Morandi: una volta pervenuta la documentazione abbiamo appurato che la questione amianto non era stata sufficientemente approfondita. 
Naturalmente il nostro scopo non è mai stato quello di ritardare gli interventi di demolizione. Abbiamo richiesto trasparenza e la garanzia che la necessità di procedere celermente non mettesse in discussione quello che deve essere il primo obiettivo dell’amministrazione: la tutela della salute dei cittadini.
Proprio con questo scopo, nei prossimi giorni intraprenderemo una serie di iniziative, come gruppi consiliari Pd in Comune e in Regione, affinché il Commissario Bucci dia pubblica comunicazione del contenuto della documentazione sui rischi collegati alla demolizione dei resti del Morandi e dei dettagli del piano di demolizione che i cittadini hanno diritto di conoscere, considerato che l’operazione si svolgerà a pochi metri dalle loro abitazioni e le preoccupazioni sui possibili rischi si sono dimostrate fondate.

ultimi articoli nelle categorie