La nuova diga

L'Autorità di Sistema Portuale della Liguria Occidentale, che raggruppa i porti di Genova e Savona

sotto la presidenza di Paolo Emilio Signorini (scelto dall’allora Ministro dei Trasporti del Pd Graziano Delrio su suggerimento del Governatore ligure Giovanni Toti), ha affidato a Invitalia il compito di gestire la gara d'appalto per la costruzione della nuova diga foranea, investendola della funzione di centrale di committenza. A novembre 2018 ha quindi pubblicato la prima gara per quest'opera, che riguarda la progettazione di fattibilità tecnica ed economica, per un valore di tredici milioni e mezzo d'euro, a fronte di un investimento totale di 800 milioni. La scadenza del bando è fissata al 28 dicembre. La nuova diga avanzerà il porto di 500 metri, con fondali fino a 40 metri, permettendo così l'accesso di portacontainer fino a 22mila teu, ossia la massima dimensione operante oggi. Il progetto di fattibilità tecnica ed economica prevede due fasi. Nella prima il progettista dovrà individuare almeno tra soluzioni progettuali con un documento di fattibilità di ciascuna, nella seconda svilupperà le indagini e gli studi necessari per la definizione degli aspetti progettuali.

ultimi articoli nelle categorie