Il Presepe nel Bosco di Viganego

Prima di passare da Bargagli venendo da Genova, sulla destra, con tanto di indicazione presente tutto

l’anno, sorge un presepe magnifico, attivo dal lontano 2000, il presepe del Bosco di Viganego, la più popolosa tra le frazione di Bargagli. Il Presepe non è soltanto una rappresentazione artistica dei primi attimi della vita di Gesù, ma un’occasione tangibile per rivivere concretamente l’inizio della grande relazione tra l’uomo e Dio, la storia dell’incarnazione.          Ogni scena del Presepe rappresenta il lavoro delle mani dell’uomo e lascia sempre spazio alla meditazione sul vero valore dell’esistenza come dono, tutela, custodia, trasmissione degli affetti più profondi. Il Presepe nel Bosco a Viganego di Bargagli anche quest’anno potrà essere una meta emozionante delle festività natalizie, offrendo ai visitatori, dall’8 dicembre, un itinerario particolarmente suggestivo nelle ore di metà pomeriggio fino a sera con luci, suoni, musica, acqua, colori e profumi che affascineranno e sorprenderanno piccoli e grandi. Il Presepe delinea un tipico paesaggio ligure. Le costruzioni, realizzate interamente con pietra del posto, sono alte tra i 60 e i 70 centimetri e si possono ammirare grazie a un piccolo sentiero che vi corre in mezzo. La ricerca e la scoperta dei dettagli esterni e interni di ogni costruzione lascia profondamente meravigliati. Molte di esse infatti, hanno stanze arredate in miniatura e popolate da persone e animali. L’idea del Presepe nel Bosco è nata da Cosimo Tondo, soprannominato Mino, per creare un polo di attrazione attorno al quale si potessero raccogliere fondi dedicati alla costruzione di un nuovo campanile per la Chiesa di San Siro, adiacente al Presepe, ricostruita negli anni 1965-1966 e consacrata dal Cardinal Giuseppe Siri nel giugno del 1967.

ultimi articoli nelle categorie