Regazzoni: la Lega vola al 29 per cento

Simone Regazzoni, ex Pd

Simone Regazzoni, uscito dal Pd il 5 marzo, il giorno dopo la batosta dei “Dem” alle ultime politiche

che di fatto ha sancito il trionfo del centrodestra (ma senza maggioranza), vede una Lega ancora in crescita, frutto del suo populismo. Regazzoni osserva: “La situazione politica attuale, al di là del chiacchiericcio mediatico su uomini e no, inutile quanto il mediocre libro di Vittorini, sta ridefinendo i rapporti tra ira e politica, dopo la dissoluzione delle grandi narrazioni novecentesche.

Sloterdijk in "Ira è tempo" scriveva: "Se si dovesse esprimere in una frase la grande caratteristica dell'attuale situazione psicopolitica mondiale, dovrebbe suonare così: siamo entrati in un'era con una prospettiva del mondo senza punti di raccolta dell'ira". Questo oggi non è più vero. Siamo entrati in una nuova congiuntura psicopolitica.

Quello che etichettiamo come "populismo" , "sovranismo", "nuova destra", è un'operazione che mira a diventare un nuovo punto di raccolta e mobilitazione dell'ira del popolo. La Lega primo partito con 29, 2 del consenso lo testimonia. Qualsiasi risposta politica a questo nuovo fenomeno che non prenda in seria considerazione l'ira ma provi a esorcizzarla non farà che aumentarne la potenza”.

ultimi articoli nelle categorie