La Traviata al Teatro Carlo Felice

Anche quest’anno la Traviata sarà nel cartellone del Teatro Carlo Felice

ma con una versione rivisitata rispetto all'originale e completamente diversa da quella vista nel 2017, secondo il direttore Daniel Smith, direttore principale ospite del Carlo Felice che condurrerà l'opera verdiana. 

Il melodramma in tre atti di Giuseppe Verdi sarà in cartellone dal 2 maggio sino al 6 maggio, l'appuntamento sarà alle ore 20.30 il mercoledì, giovedì, venerdi e alle 15.30 il sabato e la domenica.

 

La Traviata fu un'opera scandalosa che venne fischiata alla prima veneziana del 1853, non però la professione di Violetta, che faceva la prostituta ma più per l' umanità ed etica che possedeva rispetto a tutti gli altri personaggi perbene che la circondano, la corteggiano, l'ammirano e al tempo stesso la rifiutano. La donna è l'unica che esce come una figura positiva della storia: Alfredo, il suo amante, è infantile, orgoglioso, aggressivo; ancor meno il padre di lui, Giorgio Germont, esempio di moralismo velato dai sensi di colpa.

 

La regia di Giorgio Gallione, si rifà al romanzo originale di Alexandre Dumas figlio,che  racconta l'amore impossibile tra la prostituta e il ragazzo di buona famiglia come in una flashback, in cui tutto è già scritto fin dalle prime, dolorose note del Preludio. E ci ricorda che la Traviata, innanzi tutto, è la storia di una passione tra due giovani che attraverso il loro amore sperano, senza riuscirci, di cambiare il mondo.

Le scene e i costumi sono firmati da Guida Fiorato, le luci di Luciano Novelli sono riprese da Angelo Pittaluga e le coreografie sono di Giovanni Di Cicco. (ba.ca.)

ultimi articoli nelle categorie