Io e Pirandello di Lo Monaco alla Corte

L'attore Sebastiano Lo Monaco ha percorso un lungo viaggio artistico, non perdendo

mai di vista la Sicilia, la sua terra e la sua lingua. Lo Monaco omaggia un autore da sempre il suo punto di riferimento: Luigi Pirandello. Lo fa attraverso uno spettacolo ironico, delicato e leggero allo stesso tempo, necessario nell'affrontare il genio, il mistero, la scrittura e la solitudine la figura dell'autore

Il testo nato dalle "viscere del teatro" come lo definisce l'attore, che è stato interprete di diversi spettacoli da Il berretto a sonagli a Sei personaggi in cerca d'autore, per citare alcune produzione nelle quali ha recitato, legate a Pirandello. Un fondersi della biografia personale con le storie pirandelliane, per mescolarsi e ritrovarsi in un modo di fare teatro antico e nuovo. Ma «senza cadere – afferma ancora l’attore – nella retorica o nella falsità».

Una rivisitazione del proprio passato attraverso i testi di Pirandello ma anche con estratti dei grandi tragici greci: Eschilo, Sofocle ed Euripide, scegliendo una chiave comica e come afferma l'attore: “questa rivisitazione non ha a che fare con la memoria, che è sempre inaffidabile, capricciosa, né trattasi di memoria affettiva, proprio perché porta in scena il passato, per rivivere il presente”.

Cast: Sebastiano Lo Monaco - Regia: Salvo Bitonti

Lo spettacolo sarà in scena dal 27 novembre al 2 dicembre al Teatro della Corte in viale Duca D'Aosta. Orari: martedì, mercoledì, venerdì, sabato alle 20.30, giovedì 19.30 e domenica 16.00.

Biglietto: 21 euro. (di barb. cast.)

ultimi articoli nelle categorie